^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Un graffio tira l'altro

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Come abbiamo già visto, Micio ha bisogno di graffiare per mantenere le unghie affilate, per marcare il territorio e per esercitare ed allungare i muscoli. Il tiragraffi è quindi un oggetto indispensabile, e ormai in commercio ne esistono di ogni forma e dimensione, per accontentare anche il gusto estetico del padrone esigente. In caso di assenza di un tiragraffi, a farne le spese saranno tappeti, mobili e tappezzeria.

Lo stesso accade se la zona approntata non dovesse risultare di suo gradimento. Ricordiamo: una volta che il felino trova un punto prediletto su cui affilare le unghie, continuerà a tornarci ignorando ogni nostro rimprovero. Il tiragraffi può essere un modello a sé stante, oppure da appendere alla parete o fissare al pavimento.

Il primo tipo varia da un piccolo palo verticale a complicate strutture a più piani con superfici verticali e orizzontali in materiale ruvido, come, per esempio, corda in sisal, cartone ondulato o moquette. Il tipo da attaccare al muro è composto da superfici simili e si rivela utile quando lo spazio scarseggia. Qualunque sia il modello che abbiamo scelto, dev'essere duro e rigido, perché al gatto piace incontrare una certa resistenza.

Anche l'altezza ha la sua importanza, quindi è meglio optare per modelli sufficientemente alti da permettere a Micio di stiracchiarsi al massimo. Non bisogna poi trascurare la posizione, che di preferenza deve essere vicino ad una finestra o a un calorifero posti in una stanza che l'animale frequenta regolarmente, in particolar modo se è uno di quei modelli di grandi dimensioni dotati anche di uno o più letti e piattaforme.

Al gatto piace stiracchiarsi e tirare qualche graffio appena alzato, quindi è sempre bene collocare il tiragraffi vicino alla cuccia. Lo stesso vale, ovviamente, anche se dorme nella nostra stanza, a meno che non vogliamo che inizi la sua giornata facendosi le unghie sulla base del nostro letto!

All'acquisto del primo tiragraffi, o di uno nuovo, non commettiamo l'errore di incitare il gatto ad usarlo o di prestargli troppa attenzione, perché potremmo ottenere il risultato opposto, e cioè convincere Micio a starne alla larga! Se proprio lo ignora, proviamo a cospargerne la base con un po' di erba gatta o con una manciata dei suoi croccantini preferiti. Anche giocarci attorno con uno spago può risultare efficace.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2014-01-18 18:34
Il mio vecchio Ruedi non si fa più le unghie, ci devo pensare io.

Per gli altri, ho comperato una specie di torre diametro 40cm, altezza ca 1.5 metro, con 3 buchi per accedere a 3 cucce e in cima un posto panoramico morbidissimo, il tutto coperto da corda di sisal. Se ci metto la mano in uno dei "buchi", trovo praticamente sempre uno degli altri due mici a nanna :lol: