^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 110 visitatori e nessun utente online

GATTI

Gatti: dominatori del mondo da 10mila anni

Sono i nostri inseparabili amici da secoli e secoli, mentre con il loro fisico ci ricordano felini ben più selvaggi e non addomesticabili. Com'è allora possibile che in un corpo dalle sembianze tanto aggressive e irruenti si nascondano animali che con l'uomo vanno d'accordo (quasi) da sempre? Una nuova ricerca scientifica basata sull'analisi del DNA lo ha scoperto. Lo studio, effettuato dalla genetista Eva-Maria Geigl dell'Institut Jacques Monod, è stato pubblicato sulla rivista di settore Nature Ecoloogy and Evolution.

A pelo lungo o a pelo corto?

Sotto il profilo puramente genetico tutti i gatti a pelo lungo possiedono l'allele recessivo che determina la crescita di un pelo più lungo rispetto a quello dei progenitori selvatici. Secondo alcuni ricercatori, il gene del pelo lungo fu introdotto nel gatto domestico dal gatto di Pallas, un felino selvatico originario del Tibet, ma non ne esistono prove: più probabilmente la causa è una semplice mutazione genetica. Nonostante le incertezze sulla loro origine, i gatti a pelo lungo erano già presenti secoli fa nell'Asia centrale in forme naturali.

I sensi del gatto: l'organo di Jacobson

Mai visto un gatto annusare qualcosa e poi starsene a bocca semi-aperta, labbro superiore sollevato e con lo sguardo perso nel vuoto? Sta captando gli odori, di urina o comunque sessuali, che in quel punto lui stesso o un suo simile ha lasciato. Dietro ai denti, all'interno della gengiva superiore e collegato alla bocca attraverso un canale, risiede un organo molto particolare: l'organo vomeronasale di Jacobson. I gatti, così come altri felini, hanno, a differenza di noi umani, un senso che è una via di mezzo fra il gusto e l'olfatto.

Pro e contro della gattaiola

Per quale motivo Micio, che è appena entrato in casa, d'un tratto vuole uscire e viceversa? Sta semplicemente cercando di farci impazzire? Bè, non proprio. Ai gatti piace tenere sotto controllo il loro territorio, e se questo comprende una parte dell'esterno, vogliono controllarlo sovente. Ma una volta che sono usciti, chi mai può prendersi cura della casa? Il gatto deve rientrare per farlo. Installare una gattaiola (ossia una porticina a livello del gatto, che si apre nei due sensi) pone termine alle nostre giornate da portinaio, e dà a Micio l'opportunità di andare e venire a suo piacimento.

Gli incidenti, purtroppo, accadono

I gatti sembrano subire meno incidenti dei cani, probabilmente perché hanno un corpo più leggero e flessuoso e sono più agili nell’evitare i guai. Ma se la fortuna del nostro prediletto dovesse un giorno voltargli le spalle, ecco alcuni suggerimenti su come affrontare gli incidenti più comuni nell’attesa di consultare il veterinario. In caso di incidente stradale, togliamo il gatto dalla zona di pericolo, passandogli sotto il corpo un telo, come un’amaca.