^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Non lasciare che sia l'unica soluzione!

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Se continueremo a ignorare i cambiamenti climatici, presto l'unico modo per vedere degli orsi polari sarà una ricostruzione in 3D come questa. La EDI è una società italiana che ha realizzato gli effetti visivi per molti film di successo internazionale. Tra gli ultimi progetti, è nato il «Creature Shop», che si occupa della creazione di animali completamente in 3D, con lo scopo di non utilizzare più gli animali sui set cinematografici rimpiazzandoli con animali fotorealistici ricreati digitalmente. Come nel caso dello spot realizzato per il WWF.

La natura può adattarsi e da sempre si adatta ai cambiamenti... ma tutto dipende dal tempo in cui questi avvengono. Se il cambiamento climatico avviene in modo lento e graduale, i sistemi naturali, gli ecosistemi, hanno capacità di adattamento, genetiche e comportamentali, connaturate con le caratteristiche evolutive stesse delle specie viventi. La specie umana, in particolare, possiede capacità molto maggiori di adattamento rispetto alle altre specie, grazie anche alla tecnologia e alla conoscenza.

Nelle condizioni di cambiamento lento e graduale il clima in generale non può essere associato ad un concetto di danno rilevante, in quanto sussiste il tempo necessario per sfruttare al meglio le nuove opportunità e reagire adeguatamente a quelle che si riducono. Se, però, il cambiamento climatico avviene in tempi troppo rapidi non permette né ai sistemi naturali né a quelli umani di adattarsi alle nuove condizioni.

Di conseguenza il cambiamento climatico è associato a conseguenze negative in quanto i danni possono essere rilevanti e i benefici decisamente scarsi. Non va infatti dimenticato come, ad esempio, le più grandi catastrofi ed estinzioni di massa del passato siano associate a cambiamenti climatici repentini, quali quelli conseguenti all’impatto sulla superficie terrestre di asteroidi o a grandi eruzioni vulcaniche.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2018-05-21 15:27
Che tristezza! *piangere *piangere
 
 
Susi
0 #1 Susi 2018-05-19 20:47
Non oso pensare cosa troveranno i nostri nipotini se già davanti ai nostri occhi si stanno verificando velocemente sempre più catastrofi dovuti al cambiamento climatico. E se l'umanità ne soffre, mi fanno piangere le immagini veri o ricreati digitalmente degli animali che non hanno difesa *piangere