^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Una coppia di cicogne bianche a Luisenpark (Germania). Nei mesi di marzo e aprile, i futuri genitori preparano su un albero, su un tetto o su un altro manufatto (per esempio un sostegno della rete elettrica) un grosso nido largo più di un metro, in cui la femmina depone in media 3-4 uova, che vengono covate per 35 giorni da entrambi i genitori. Dopo la schiusa, sia il maschio che la femmina provvedono ad allevare i pulcini che, dopo 70 giorni, imparano a volare. In diverse parti del mondo la cicogna viene associata alla nascita di un neonato: è un comune modo di dire che il bambino «è stato portato dalla cicogna».

L'origine di questa frase idiomatica è incerta, anche se fin dai tempi antichi il ritorno della cicogna era associato alla primavera e dunque al concetto di rinascita e rigenerazione. Una teoria spiegherebbe l'associazione tra cicogna e nascite col fatto che questi uccelli scegliessero per nidificare i comignoli dei camini accesi, per stare più al caldo: poiché quando nasceva un bambino i camini venivano accesi per riscaldare la casa, era comune che questi uccelli si trovassero sui camini di case dove era appena nato un bimbo. (Foto: Telegraph)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #2 Susi 2018-04-06 18:13
Non sapevo l'origine di questa frase....
Anche noi abbiamo visto e ammirato i nidi in Germania, bellissimi c11
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2018-04-03 10:28
In Alsazia ho visto tanti nidi e tante cicogne. Una visione meravigliosa! c05