^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

È morto all'età di 45 anni l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio rimasto al mondo. Con la scomparsa di Sudan, questo il nome dell'animale che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya, rimangono solo due esemplari femmine di questa specie. L'annuncio, riporta la CNN, è stato dato dalla Ong (Organizzazione non governativa) ambientalista internazionale WildAid, secondo cui Sudan è stato soppresso dopo che un team di veterinari ha constatato un notevole peggioramento delle sue condizioni di salute.

Un portavoce della riserva, Elodie Sampere, ha spiegato che campioni di sperma dell'animale sono stati conservati nella speranza di inseminare artificialmente con successo uno dei due rinoceronti femmina rimasti per cercare di salvare la specie dall'estinzione. Le due femmine di rinoceronte bianco settentrionale sopravvissute a Ol Pejeta sono la sorella di Sudan, Najin, e la figlia di questa, Fatu. I naturalisti hanno congelato lo sperma di diversi rinoceronti bianchi deceduti e sperano di ridare vita alla specie con la fecondazione artificiale. La tecnica prevede il prelievo di ovuli dalle due femmine sopravvissute, la fecondazione in vitro con lo sperma congelato e l'impianto degli ovuli in femmine di rinoceronte bianco meridionale, che farebbero da madri surrogate.

I rinoceronti bianchi settentrionali sono stati sterminati negli anni '70 e '80 dai bracconieri, a causa di un boom della domanda di corni per la medicina tradizionale cinese e per i manici dei pugnali in Yemen. Le popolazioni di Uganda, Repubblica Centrafricana, Sudan e Ciad sono state spazzate via. I 20-30 esemplari sopravvissuti nel Parco nazionale di Garamba, nella Repubblica Democratica del Congo, sono stati uccisi nella guerra civile intorno al 2000. Nel 2009 sopravvivevano solo quattro esemplari di rinoceronte bianco settentrionale, due maschi (Suni e Sudan) e due femmine (Najin e Fatu), nello zoo di Dvur Kralové nella Repubblica Ceca. Quell'anno i quattro furono trasferiti nella riserva kenyana di Ol Pejeta, sperando che si riproducessero.

Sorvegliati 24 ore su 24 da ranger armati, nutriti con una ricca dieta, non hanno dato alla luce cuccioli. Il maschio Suni è morto per cause naturali nel 2014. Sono meno di 30.000 i rinoceronti al mondo, suddivisi in cinque specie: 20.000 rinoceronti bianchi meridionali (soprattutto in Sudafrica), 5.000 rinoceronti neri (in Africa meridionale e orientale), 3.500 rinoceronti indiani con un solo corno (in India e Nepal), meno di 100 rinoceronti di Sumatra, 60 rinoceronti di Giava. Lo rende noto la Ong animalista WildAid sul suo sito. Della specie rinoceronte bianco settentrionale sopravvivono solo due esemplari femmine, nella riserva kenyana di Ol Pejeta. 

Il rinoceronte bianco (Ceratotherium simum), detto anche rinoceronte camuso, è un mammifero perissodattilo della famiglia dei Rinocerontidi, di cui è il più grande rappresentante. Inoltre, dopo le tre specie di elefanti, è il più grosso animale terrestre. Il suo nome in lingua zulu è Mkhombe. La sua colorazione non è bianca ma grigiastra, e dipende anche dal fango nel quale si rotola: la pelle è infatti dello stesso colore del rinoceronte nero. La denominazione «bianco» deriva da un'errata traduzione dell'aggettivo Afrikaans wyd ("largo") che era stato attribuito dai colonizzatori afrikaner al pachiderma, e in particolare alle sue labbra. (Foto: CNN)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2018-03-27 18:13
*piangere
Ciao Sudan.... hai lasciato un mondo triste per colpa di noi umani!