^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online

Lupacchiotti (troppo) esuberanti col capobranco

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cinque lupetti giocano nei boschi della Val di Susa (Piemonte) e si raccolgono alla fine intorno al capobranco, scodinzolando come cagnolini: le immagini sono state girate dal videomaker naturalista valsusino Ezio Giuliano, che ha commentato così su Facebook il suo video: «All'arrivo del lupo Alpha cinque cuccioli gli vanno incontro festosi ma lui da vero leader frena la loro vivacità». I lupi vivono in branco e in branco cacciano, allevano la prole e difendono il territorio, in maniera coordinata e integrata.

Mantenersi all'interno di questa struttura organizzata, è vitale per ogni singolo componente; l'immagine romantica del lupo solitario è squisitamente letteraria: l'animale emarginato dal gruppo, o riesce a crearne uno nuovo, oppure è fatalmente destinato ad una ben triste fine.  Il branco generalmente è formato da un numero variabile di individui: dai 4/8 soggetti che formano il nucleo familiare costituito dalla coppia e dai figli di uno o più anni, può arrivare a contarne più di 20.

Questo è dovuto, sia alla necessità di disporre di un numero adeguato di animali per portare a termine efficacemente la caccia, sia al quantitativo di cibo disponibile. Al vertice del branco si trova il lupo Alfa, che è il capo maschio assoluto. Il suo ruolo lo porta a mantenere la calma e la stabilità all'interno dello stesso, giacchè ogni cambiamento potrebbe mettere in discussione la sua posizione dominante. Pur mostrando una superiore indifferenza nei confronti degli altri lupi, sia di alto che di basso rango, si comporta in modo tollerante ma fermo.

Nel controllo e nella gestione delle attività sociali, soprattutto nei momenti in cui la tensione all'interno del gruppo è alta, come, ad esempio, nel periodo riproduttivo. Grazie alla sua forza, non solo fisica, ma anche psicologica, è in grado di soddisfare le esigenze del branco, di tenerlo unito, di proteggerlo dagli estranei, di pattugliare e marcare il territorio, di scegliere i sistemi di difesa e le strategie di caccia, di stabilire la disposizione delle tane, di essere, in una parola, il leader.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2017-06-17 18:51
Bellissimo il video e complimenti per l'articolo. Io per esempio credevo davvero ai lupi solitari....
Il mio sogno continua ancor di più, cioè la pacifica convivenza tra uomo e lupo c07