^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 186 visitatori e nessun utente online

Fenicotteri rosa, schiusa delle uova al Parco Natura Viva

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La sua mamma si è alzata all’improvviso dalla cova e ha mostrato all’occhio della telecamera l’uovo ormai rotto, dal quale è spuntata subito un’inerme testa grigia dal becco rosa: è nato il primo pulcino della colonia di fenicotteri rosa più popolosa d’Italia. Quest’anno al Parco Natura Viva di Bussolengo (VR) si è registrato il record di deposizioni con più di 40 uova in cova, costantemente curate e smosse da mamma e papà fenicottero. Al primo piccolo dovrebbero seguire a stretto giro tutti gli altri.

Le coppie di questa primavera hanno lavorato alle deposizioni con un sincronismo da manuale: sono trascorsi quasi per tutti i 28 giorni necessari alla schiusa e presto ci saranno molti becchi da sfamare. “Questo piccolo non si muoverà dal suo grande nido per ancora 6 o 7 giorni - spiega Camillo Sandri, veterinario direttore tecnico del Parco Natura Viva - finché non si reggerà abbastanza sulle zampe per cominciare a girovagare nelle vicinanze, sempre attentamente seguito da mamma e papà.

Infatti, entrambi i genitori, che si sono alternati nella cura delle uova, ora si alternano anche nella cura del pulcino, seguendolo, guidandolo e nutrendolo”. Alti fino a 40 centimetri, i nidi dei fenicotteri rosa sono costruiti dalla maestria del becco degli adulti con fango e terra smossa, resi abbastanza compatti da difendere dall’acqua i suoi abitanti. In Italia le nidificazioni di questo uccello sono ricominciate a partire dal 1993 e oggi si attestano due siti stabili, in Sardegna e alle foci del Po.

“Si tratta di circa 15mila coppie, che tuttavia devono fare i conti con un problema di difficile gestione”, precisa Sandri. “I cani randagi predano i nidi indisturbati, senza che gli adulti possano fare nulla per proteggere i loro piccoli”. La trasformazione dell’habitat naturale poi, rischia di incrinare un equilibrio fragile, ritrovato da pochi anni tra i fenicotteri rosa e le coste italiane.

Parco Natura Viva

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2017-05-01 20:07
Molto carino il video e buone notizie c07