^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 261 visitatori e nessun utente online

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Al Taronga zoo di Sydney (Australia) è nato un esemplare di formichiere spinoso (o 'echidna' - nome scientifico Tachyglossidae). È la prima volta in 30 anni che questa specie si riproduce in cattività. I formichieri spinosi sono mammiferi ovipari che vivono in zone cespugliose e nei boschi dell'Australia, della Tasmania e della Nuova Guinea. Animali dalle caratteristiche molto singolari, con il corpo ricoperto di peli e di aculei sul dorso che lo fanno assomigliare a un riccio.

Hanno una testa piccola e un lungo muso, stretto e appuntito. Le zampe sono molto corte ma dotate di potenti artigli, che conferiscono una grande abilità nello scavare. Gli aculei sono solitamente giallognoli con punta nera, internamente sono cavi e possono raggiungere i sei centimetri di lunghezza. La bocca è priva di denti ma munita di una lunga lingua che saetta fuori a caccia di piccoli animali. Si nutrono di insetti, soprattutto di formiche, termiti, lumachine e vermi. È un animale notturno ed in inverno va in letargo. Una curiosità è che il nome 'echidna' deriva dalla mitologia greca ed è il nome di un mostro, Echidna appunto, rappresentato come metà donna e metà serpente.

Il formichiere spinoso  è un mammifero appartenente alla famiglia dei Tachyglossidae. Le echidne sono dei mammiferi ovipari, la femmina depone un uovo che viene adagiato nel marsupio della madre. Dopo 10 giorni nasce il piccolo, il quale resta nel marsupio per altri 45-55 giorni. In questo periodo il cucciolo viene allattato. La madre non ha capezzoli e nemmeno delle vere mammelle, ma solo delle 'aree' in cui persistono le ghiandole mammarie. Dopo questo primo periodo cominciano a spuntare i primi aculei. Da tale momento la madre scava una tana dove depone il cucciolo che verrà nutrito circa ogni 5 giorni, fino allo svezzamento che avviene attorno ai sette mesi di età. (Foto: Keystone)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2016-12-05 18:32
Grazie Niki per farci conoscere queste piccole meraviglie dal mondo degli animali, senza i tuoi articoli, non avremmo mai saputo niente (almeno io) c36
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2016-12-05 10:47
Quando ho visto la foto - prima di leggere l'articolo - ho pensato ad una talpina salvata (magari dalle grinfie di un miciotto.....) e invece no! Una specie che non avevo mai sentito (formichiere si ma spinoso no....). Trasmette tanta tenerezza c11