^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 207 visitatori e nessun utente online

Australia, un vombato gratta l'amico Fido

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Gratitudine allo stato puro è quella che traspare da un video postato su Youtube, in cui un vombato presta le sue piccole zampine al cane di casa per aiutarlo a sconfiggere il forte prurito che lo sta infastidendo. Nelle immagini si vedono il piccolo animale, diffuso solo in alcune regioni dell'Australia, che con grande dedizione aiuta l'amico a quattro zampe a grattarsi il pelo. Dopo la meticolosa operazione, il grosso cane lo ringrazia con una massiccia dose di baci e coccole.

I vombati vennero spesso chiamati «tassi» (badgers) dai primi colonizzatori a causa delle dimensioni e delle abitudini simili a quelle di questi mustelidi europei. Questi mammiferi marsupiali si adattano molto bene alla vita in cattività e possono sviluppare anche un carattere perfino amichevole. Tuttavia, la mancanza di timore nei confronti dell'uomo può talvolta rivelarsi pericolosa, perché il vombato può attaccare in qualsiasi momento se provocato, o più semplicemente se è di cattivo umore.

Quando carica, le sue dimensioni lo rendono in grado di scaraventare a terra un uomo di media statura, mentre i denti affilati e le potenti mascelle possono causare gravi ferite. Una caratteristica di questi animali è quella di avere il marsupio volto verso l'indietro. Il vantaggio di questa posizione è evidente: la madre, quando scava, non corre il rischio di gettare terra sul proprio piccolo. Il termine wombat è stato preso in prestito dagli Eora, gli aborigeni che vivevano nell'area di Sydney.

Diversamente dalla maggior parte degli altri marsupiali australiani, il vombato ha un cervello relativamente grande. Questa caratteristica, unita a straordinarie capacità di adattamento, consente di liberare con successo in natura animali allevati in cattività, a differenza della maggior parte degli altri animali selvatici, che devono essere mantenuti in condizioni «naturali» simulate (ad esempio con l'utilizzo di «genitori fantoccio») o tenuti in cattività per tutta la vita.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Lupo_Grigio
0 #3 Lupo_Grigio 2016-03-13 11:23
Strana coppia *divertente
 
 
Susi
0 #2 Susi 2016-03-11 18:44
c17 mi fanno moriiiire c07
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2016-03-09 14:17
Amori!!!! c36