^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 81 visitatori e nessun utente online

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo giovane cinghiale vive da diversi mesi insieme ad una mandria di bovini, nella regione tedesca di Schleswig-Holstein. Il piccolo è stato accettato dalla mandria come fosse uno di loro e, nonostante la sua diversità, il cinghiale gioca con i suoi compagni e gode della protezione della mandria. L'animale sembra avere circa un anno e appare un po' deperito per la sua età, caratteristica che potrebbe aver indotto i suoi simili ad escluderlo. Ma la mandria pare aver compensato questa esclusione, accogliendolo fra le sue file.

E anche se talvolta, i bovini adulti ignorano il piccolo cinghiale, quest'ultimo è ormai diventato un membro a tutti gli effetti della mandria, nel bene e nel male. La vita di un cinghiale si svolge soprattutto di notte, mentre di giorno l’animale si riposa all’interno di buche che lui stesso scava nel terreno. Animale onnivoro, si ciba indifferentemente di ghiande, piante, frutti, tuberi e radici, come insetti, invertebrati, carne e pesce. Non è raro vedere un cinghiale cacciare vittoriosamente rane, agnelli, cerbiatti e serpenti.

Il branco è composto da una ventina di esemplari di femmine con i cuccioli, dirette dalla scrofa più anziana, gerarchicamente dominante. I maschi, invece, vivono in maniera più isolata, riuniti in piccoli gruppi ad eccezione del periodo degli amori, quando si riuniscono al branco delle femmine. Qui mettono in scena estenuanti combattimenti per allontanare eventuali giovani maschi.

La pelle, molto spessa e poco vascolarizzata, costituisce una vera e propria corazza, che rende l'animale virtualmente immune alle punture d'insetto ed alle piante spinose del sottobosco, e lo preserva addirittura dai morsi di vipera (a meno che questi non vengano assestati in punti nevralgici, come il grugno). Essa è quasi totalmente ricoperta da setole rigide, frammiste ad un sottopelo lanoso più fine e morbido, che ha lo scopo di isolare termicamente il corpo. (Foto: Dpa)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2016-01-11 19:12
Un rifugiato carinissimo c54
Speriamo che possa restare con i suoi amici senza che un cacciatore lo fermi.
 
 
Perla
+3 #1 Perla 2016-01-06 11:52
Amorevole foto c07