^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La foto della settimana

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Lo zoo di Basilea ha annunciato la nascita di quattro ghepardi. I cuccioli, tutti di sesso femminile, e la madre Alima stanno bene e sono stati mostrati alcuni giorni fa per la prima volta al pubblico. Il raro e delicato evento ha avuto luogo il 24 luglio scorso: l'ultima cucciolata di questi felini nella città renana risale a cinque anni or sono, hanno precisato i responsabili del giardino zoologico, durante una conferenza stampa. I ghepardi sono una specie in pericolo, sopratutto in Kenya dove vengono abbattuti perché attaccano animali da allevamento.

Il pericolo per la sopravvivenza di questa specie viene dal bracconaggio e dalla distruzione dell'habitat: paradossalmente, l'istituzione di zone protette dove ospitare questi animali e le loro prede risulta controproducente, in quanto in queste aree vi è un'elevata densità anche di altri predatori competitori per il cibo, come iene e leoni. Di fronte a questi animali, il ghepardo è costretto a causa della sua minore forza fisica a farsi da parte per non essere ferito o ucciso, dovendo spesso lasciare il cibo e rischiando di essere predato o di morire d'inedia.

Soprattutto i giovani maschi, tendono a sconfinare dalle aree protette alla ricerca di nuovi territori dove stabilirsi, cadendo preda dei bracconieri e degli allevatori, che accusano i ghepardi di essere un pericolo per il bestiame. Il ghepardo è inoltre una vittima della sua estrema specializzazione: la sua naturale rarità, le sue necessità alimentari ed ambientali, l'incapacità di fronteggiare i predatori, la vulnerabilità alle ferite lo rendono estremamente suscettibile ai cambiamenti provenienti dall'attività umana. Lo zoo di Basilea sostiene un progetto per proteggerli e in particolare compensa le perdite subite dagli allevatori.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2014-10-14 20:45
c11 bellissimi c07
 
 
Nelly
0 #1 Nelly 2014-10-13 16:19
c36