^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

FOTO E VIDEO

La foto della settimana

Uno studio recente, condotto dal Parco Natura Viva di Bussolengo in collaborazione con le Università di Parma e Padova e pubblicato sulla rivista internazionale PeerJ, dimostra come papà fenicottero compensi l’investimento di energie che mamma fenicottero dispensa nel deporre l’uovo, trascorrendo dal quel momento più tempo della propria compagna a covare e a difendere il nido, quasi lasciandole il tempo per potersi riposare.

Estinto l'iconico pappagallo del cartone "Rio"

Il pappagallo blu ara di Spix è ufficialmente estinto in natura. A rivelarlo è un report di Birdlife International - una delle più importanti organizzazioni impegnate nella salvaguardia degli uccelli - che elenca l'ara di Spix fra otto specie scomparse, metà delle quali in Brasile. La causa principale della scomparsa del pappagallo blu sarebbe la deforestazione, che ha originato una considerevole riduzione dell’habitat delle specie di uccelli, secondo quanto sostiene il report. Per l'ara di Spix c'è però ancora una speranza: esistono circa 80 esemplari di questo pappagallo blu, che vivono però in cattività.

La foto della settimana

Uccisi dai bracconieri per le loro zanne: le carcasse di 87 pachidermi sono state ritrovate vicino a una riserva in Botswana. A denunciare questa strage senza precedenti, l'associazione Elephants Without Borders, citata dalla BBC. Il Paese africano ha la più grande popolazione di elefanti del mondo e finora aveva evitato le uccisioni viste altrove grazie a un approccio spietato nei confronti dei bracconieri. Con 130.000 elefanti, il Botswana è stato descritto come l'ultimo rifugio degli elefanti in Africa, mentre la caccia all'avorio continua a imperversare in tutto il resto del continente.

Glencoe (Scotland)

Glencoe è una zona collinare delle Highlands scozzesi, caratterizzata da strette valli e foreste, da cui prende il nome la cittadina Glencoe & Dalness. Immersa in una natura selvaggia e scarsamente abitata (nonostante la presenza di diversi cottage), è stata teatro del massacro di Glencoe e, per la sua importanza nella storia locale e del Regno Unito, è stata utilizzata come location per alcune scene dei film Bravehart, Harry Potter e i Doni della Morte (Parte 1) e di Skyfall (23º film di spionaggio della serie di 007).

La foto della settimana

È durato più di quindici giorni il lutto di un'orca che non riusciva a rassegnarsi alla morte del suo piccolo appena nato e così l'ha portato con sé per giorni spingendolo con il muso. Ad avvistare il comportamento del mammifero del mare sono stati i ricercatori del Centre for Whale Research di Washington (USA) che sorvegliano il tratto di mare tra British Columbia e Alaska. La mamma orca ha lasciato andare il suo cucciolo dopo 17 giorni quando ha cominciato a decomporsi per raggiungere nuovamente il suo gruppo.