^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

FOTO E VIDEO

Orso in Trentino: prime cucciolate

La Provincia autonoma di Trento informa che - alla luce delle segnalazioni ricevute negli ultimi giorni - le cucciolate di orso del 2018 accertate in Trentino, nell’area tra la Val d’Algone e la Val d’Ambiez, risultano essere almeno tre, probabilmente quattro. Le montagne del Trentino si confermano dunque un habitat di elevata qualità per i plantigradi e per la fauna selvatica in generale. La Provincia ricorda la pagina web dedicata ai grandi carnivori, che fornisce informazioni sulle buone norme comportamentali da mettere in pratica visitando le zone frequentate dagli orsi.

La foto della settimana

Coppia di aironi sulla riva del fiume Brahmaputra (India). Gli aironi - diffusi in tutto il mondo, ma particolarmente abbondanti nelle regioni tropicali - hanno in comune alcune vistose caratteristiche anatomiche (collo e zampe eccezionalmente lunghi, becco lungo e appuntito), nonché il fatto di vivere in ambienti umidi. Posseggono quattro dita, di cui il terzo e il quarto spesso uniti alla base da una breve membrana; le ali sono molto ampie; il piumaggio è piuttosto simile nei due sessi, tranne che nel periodo riproduttivo; le dimensioni variano da quelle di una garzetta a quelle dell'airone gigante.

Non lasciare che sia l'unica soluzione!

Se continueremo a ignorare i cambiamenti climatici, presto l'unico modo per vedere degli orsi polari sarà una ricostruzione in 3D come questa. La EDI è una società italiana che ha realizzato gli effetti visivi per molti film di successo internazionale. Tra gli ultimi progetti, è nato il «Creature Shop», che si occupa della creazione di animali completamente in 3D, con lo scopo di non utilizzare più gli animali sui set cinematografici rimpiazzandoli con animali fotorealistici ricreati digitalmente. Come nel caso dello spot realizzato per il WWF.

La foto della settimana

Un lemure nello zoo di Colonia, Germania. Il termine 'lemure' deriva dalla parola latina lemures, che sta ad indicare gli spiriti della notte della mitologia romana: chiaro il riferimento al fatto che la maggior parte dei lemuri possiede enormi occhi dall'aspetto spiritato, ben adatti alla vita notturna che la maggior parte delle specie conduce, ed emette versi simili a gemiti sofferenti. I lemuri vivono in natura solo nel Madagascar e in alcune piccole isole circostanti, incluse le Comore (dove probabilmente furono introdotti dall'uomo).

Lontre mettono in fuga giaguaro

Un giaguaro, predatore più temuto della Foresta Amazzonica, messo in fuga da un gruppo di lontre giganti. Il video è stato registrato nella pianura del Pantanal, habitat di tantissime specie animali nello stato del Mato Grosso, in Brasile, vicino al confine con la Bolivia. «l movimento della coda del felino, una femmina di tre anni, indica la paura dopo l'incontro con le lontre», commentano gli operatori dell'organizzazione 'Panthera Brasil', l'organizzazione non governativa (ONG) che ha condiviso il video sulla propria pagina Facebook.