^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 26 visitatori e un utente online

La gallina dalle uova d’oro

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

C’era una volta un contadino che aveva un pollaio con galli e galline e ogni anno, in primavera, nascevano tante belle nidiate di pulcini pigolanti, covati con cura dalle chiocce. Ma una gallina era speciale perché faceva un uovo al giorno. Ma cosa c’è di strano? Le galline di solito fanno le uova! Ebbene, questa era una gallina particolare perché il suo uovo era tutto d’oro e ogni mattina il contadino lo trovava nella cova, bello, grosso e brillante. Lo raccoglieva tutto gongolante e si fregava le mani dalla contentezza.

Ma era un ingrato e non rivolgeva mai un ringraziamento alla prodigiosa gallina. Si prendeva l’uovo d’oro, andava al mercato, lo vendeva e portava a casa un bel mucchietto di soldi che nascondeva sotto al materasso senza raccontare nulla a nessuno, nemmeno a sua moglie che lavorava tutto il giorno nei campi. Era avido, avaro e insaziabile…

Una mattina trovò un uovo più bello e grosso del solito e pensò: ”Se la gallina depone ogni giorno un uovo d’oro, chissà quanto oro ha dentro la sua pancia, lo voglio tutto e subito!” Detto e fatto, prese un coltello e squartò la gallina! Ma le viscere della povera bestia erano normali, come quelle di tutte le altre galline. E così il contadino restò a bocca asciutta, la gallina non aveva dentro il suo corpo un tesoro ed ora era morta e non avrebbe più fatto uova d’oro! (Favola Esopo)

Non essere avidi e insaziabili, bisogna accontentarsi dei beni presenti e fuggire l'insaziabilità.

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2015-10-18 21:10
Grande saggezza nella morale di questa favola....pecca to per la "gallina" che ci rimette le piume!