^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Lo strano comportamento dell'hoatzin

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Un piccolo di hoatzin (Opisthocomus hoazin) solo soletto nel nido mentre i genitori sono lontani per procurarsi il cibo. L'hoatzin è una specie di uccello tropicale diffuso in un'area geografica che copre i bacini del Rio delle Amazzoni e del fiume Orinoco nel Sud America. Le sue dimensioni da adulto sono come quelle di un fagiano e può arrivare a una lunghezza totale di 65 centimetri. Possiede un lungo collo con una piccola testa, con una faccia di solito blu e occhi rossi. Il piumaggio ha un colore fulvo bruno mentre la testa è sormontata da una cresta con lunghe penne.

Il pulcino di hoatzin appena uscito dall’uovo è nudo e deforme e, come molti altri giovani uccelli, sembra essere del tutto inerme. Nulla come quest'ultima affermazione potrebbe essere più lontana dal vero. Dopo il rumoroso ritorno degli affannati genitori, il pulcino dalla pelle scura lascia il nido, arrampicandosi cauto lungo i sottili rami alla ricerca di tenere foglie che i genitori portano alla loro prole affamata. Si verificano così in un solo colpo due eventi unici.

Questa specie è la sola di uccelli arboricoli che dà ai suoi piccoli una dieta in così larga misura vegetariana. In effetti l'hoatzin adulto è uno dei vegetariani di più stretta osservanza nel mondo degli uccelli e i suoi pasti a base di foglie sono necessariamente molto consistenti - circa due terzi del peso corporeo. L’hoatzin è anche il solo uccello arboricolo i cui pulcini abitualmente lasciano il nido molto presto dopo la schiusa. Questo corpicino dai deboli muscoli fa molto fatica ad arrampicarsi sui rametti.

Ma il duro compito è facilitato dalla presenza di piccoli artigli che si trovano sui gomiti, all'articolazione delle ali non ancora ricoperte di piume. Queste appendici non sono uniche tra gli uccelli: i giovanissimi di folaga europea posseggono un solo artiglio che consente loro di arrampicarsi sul nido generalmente posto più in alto rispetto al livello dell'acqua, e alcune specie di oche posseggono, anche nell'adulto, degli acuti speroni sul margine delle ali.

Molte specie animali in Sud America presentano simili adattamenti alla precaria vita sopra l'acqua: le scimmie americane e i formichieri posseggono delle code prensili come ulteriore assicurazione contro pericolose cadute. Il pulcino di hoatzin ha una rete di sicurezza aggiuntiva. Anche se dovesse cadere nelle acque minacciose, che di regola si trovano sotto il nido, non tutto è perduto: il pargolo si metterebbe a nuotare verso il ramo più vicino e poi inizierebbe una lenta scalata verso casa. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.