^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La tela super resistente del ragno

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Impareggiabile per elasticità e forza, per la quale batte anche l'acciaio, la tela del ragno non ha quasi più segreti e presto potrebbe essere imitata per realizzare 'super fibre' artificiali destinate alle suture chirurgiche e all'industria automobilistica. A svelare come fanno i ragni a realizzare fili molto resistenti ed elastici per le loro ragnatele sono stati due studi pubblicati su Nature coordinati da Stefan Knight dell'Università svedese di Scienze dell'Agricoltura a Uppsala e dal tedesco Horst Kessler dell'Università della Tecnologia di Monaco.

In particolare è stato scoperto un interruttore molecolare che controlla la fabbricazione della sete naturale del ragno e i ricercatori sono già al lavoro per imitarlo e applicarlo alla progettazione di fibre artificiali molto resistenti ed elastiche. Secondo Kessler la questione cruciale nella produzione artificiale di fibre simili a quelle del ragno consiste nell'imitare il modo in cui i ragni gestiscono le alte concentrazioni di materiale grezzo nelle cosiddette 'ghiandole della seta' per produrre fibre.

Il filo di seta del ragno - spiegano gli esperti - è fatto di lunghe catene di proteine, che comprendono anche migliaia di amminoacidi, collegate da stabili interconnessioni fisiche che forniscono alta stabilità al filo. Queste proteine sono immagazzinate ad alte concentrazioni e in un ambiente acquoso nelle ghiandole della sete dei ragni dove sono in attesa di essere utilizzate.

Analizzando le proteine della seta dei ragni Euprosthenops australis e Araneus diadematus i ricercatori hanno scoperto che vi è un interruttore molecolare che gioca un ruolo fondamentale nel corretto immagazzinamento delle proteine e nel successivo processo di formazione delle fibre, quando le proteine entrano nel canale di filatura, allineate parallelamente con le aree responsabili per l'interconnessione che risultano fianco a fianco. (Foto Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #1 Susi 2016-08-25 17:53
Le meraviglie della natura! Grazie Niki per le tue spiegazioni c09