^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 126 visitatori e nessun utente online

Uccelli, perché non diventano brizzolati?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Gli uccelli, al contrario degli uomini, non ingrigiscono con il passare degli anni, ma mantengono un piumaggio vivido per tutta la vita. Questo perché i loro colori non hanno a che fare con i pigmenti come i nostri capelli, ma con la struttura delle piume, a un livello microscopico nell'ordine di nanometri. A svelare il segreto dei volatili sono i ricercatori dell'università di Sheffield, secondo cui in futuro, copiando gli uccelli, potremo avere vestiti che non sbiadiscono in lavatrice.

Gli esperti hanno analizzato le piume della ghiandaia con uno dei microscopi a raggi X più potenti al mondo: l'European Synchrotron Radiation Facility di Grenoble (Francia). I colori della ghiandaia vanno dal bianco al celeste, all'azzurro intenso fino al nero. Una tale variazione cromatica, stando allo studio pubblicato su Nature Scientific Reports, dipende da cambiamenti nella nanostruttura delle piume che gli uccelli riescono a controllare in modo perfetto. Questi cambiamenti variano le lunghezze d'onda della luce che gli uomini percepiscono come colore.

La ghiandaia, come la maggior parte degli uccelli, esercita un controllo sui nanoforellini della struttura della cheratina, di cui le piume sono fatte. Forellini più grandi risultano nel colore bianco, mentre una struttura più piccola e compatta risulta nel colore blu. La scoperta potrebbe portare a creare colori per dipingere e tingere tessuti che non sbiadiscono col tempo. "Possiamo iniziare a sviluppare - dicono i ricercatori - nuovi materiali con questo approccio nanostrutturale. Se la natura riesce a farlo sull'ala di un uccello anche noi dovremmo essere in grado di farlo, sinteticamente". (Foto: Wiki)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+3 #1 Perla 2016-01-02 19:42
Interessante articolo! Quante cose si possono imparare leggendo i tuoi articoli Niki. Grazie ancora c04