^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 104 visitatori e nessun utente online

Api: il linguaggio della danza

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Le api operaie danno informazioni alle loro compagne di nido sulle fonti di cibo trovate mediante delle danze. La danza viene eseguita nel buio dell'alveare, lungo le pareti verticali dei favi. La danzatrice è sempre assistita da numerose 'seguaci' che la esaminano da vicino con le antenne. Le bottinatrici che fanno ritorno da una sorgente di cibo che sia nel raggio di 25 m dall'alveare fanno una danza circolare con cambiamenti di direzione più o meno frequenti.

Maggiore è la frequenza dei cambiamenti di direzione e maggiore è il valore calorico del nettare di cui viene indicata la sorgente. Per indicare una fonte di cibo distante tra i 25 e i 100 m l'ape bottinatrice - colei che ha il compito di raccogliere all'esterno il necessario per la vita dell'alveare: acqua, nettare, polline e propoli - disegna una figura intermedia tra una danza circolare e una danza ondeggiante.

Quest'ultima, usata per distanze più lunghe, traccia un otto in cui l'ape fa ondeggiare lateralmente l'addome durante il percorso diritto tra i due semicerchi alla fine della figura. La distanza della fonte è indicata dalla lunghezza di questa corsa dritta e dalla frequenza degli ondeggiamenti che l'accompagnano: maggiore è la distanza dal cibo, più la danza è eseguita con lentezza e più marcati sono i movimenti dell’addome.

La direzione è indicata dall'angolo formato tra la verticale e il tratto rettilineo del percorso di danza, che corrisponde all'angolo tra la direzione del cibo e il sole, visti dall'ingresso dell'alveare. La qualità del cibo viene descritta dall'ondeggiamento unito ai ronzii ad alta frequenza che lo accompagnano a circa 250 cicli al secondo.

Un mezzo utilizzato in questo caso per comunicare è il tatto: le api che assistono a questa danza percepiscono tutte le informazioni toccando con le antenne la danzatrice e anche per mezzo della loro sensibilità ai suoni; può essere importante anche l'odore dei fiori sul corpo della danzatrice. Il linguaggio della danza costituisce così un sistema di comunicazione che utilizza molti mezzi di trasmissione.

Conoscere più da vicino il mondo delle api non fa altro che aumentare il nostro senso di rispetto per queste creature, il cui sistema di comunicazione è solo parte dell'eccellente organizzazione della loro società. Ancora una volta, dagli animali c’è solo da imparare... (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.