^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 113 visitatori e nessun utente online

Hollywood: 'ritocchino' anche per i Pets

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Negli Stai Uniti il business degli animali domestici si aggira intorno ai 60 bilioni di dollari all'anno. Un giro d'affari che comprende le più svariate stranezze in materia: dall'albergo di lusso per cani e gatti al cimitero per animali, dalla SPA al personal shopper per gli amici a quattro zampe. Il confine tra cosa possa essere utile agli animali domestici e cosa invece è una forzatura sembra essere stato varcato ancora una volta all'Animal Pet Centre di Los Angeles dove un team coordinato dal dottor Alan Shulman offre servizi di chirurgia plastica per cani e gatti.

Nato come una specializzazione veterinaria per far fronte a determinate patologie dell'animale, lo studio di Shulman raccoglie oggi alcune delle richieste più strambe e eccessive che possano esistere. "Se dovessi descriverli, certamente potrei dire che si tratta di persone con grosse disponibilità economiche, senza figli e che in passato si sono sottoposte a interventi di chirurgia plastica". Nel tracciare l'identikit del cliente tipo che si rivolge all'Animal Medical Center di Westwood per migliorare il look del proprio animale domestico fino a metterlo sotto i ferri del chirurgo estetico, il dottor Alan Schulman fa involontariamente la descrizione di un determinato spaccato sociale tipico di Beverly Hills e dintorni. Nei quartieri più facoltosi della città californiana a non mancare, oltre all'ossessione per la bellezza e il denaro, è l'amore per cani e gatti.

"Un amore che porta gli animali domestici a essere considerati membri della famiglia: una cosa che ritengo bellissima - continua il veterinario - ma equipararli a livello medico agli esseri umani no, non è accettabile". Una passione che è dimostrata anche dai numeri: nella contea di Los Angeles infatti, secondo gli ultimi dati dell'American Veterinary Medical Association (AVMA), ci sono più di due milioni di esemplari tra cani e gatti. Inoltre basta fare una ricerca online per rendersi conto che nella città gli angeli ci sono centinaia di Pet Grooming Salon, centri estetici dove non solo gli animali vengono pettinati e lavati, ma possono anche farsi le unghie. E se si è disposti a spendere 50 dollari per una 'zampicure', perché non sborsarne mille per un lifting?

"Spesso penso che i soldi che i proprietari di animali vorrebbero spendere in interventi estetici, sarebbero da dare a un terapista. Quando una nostra ossessione viene proiettata sul cane o sul gatto, allora c'è qualcosa che non va. Eticamente in questo mestiere bisogna sempre porsi il quesito, chiedersi se davvero ne vale la pena. Io lo faccio e per questo a molti clienti devo dire no. Anche se si tratta di celebrities. Sono tante le richieste bizzarre che ci vengono fatte - continua Schulman - ma la cosa più strana di tutte accade quando i clienti si presentano con il pet communicator, volgarmente chiamato 'il medium degli animali', ovvero una persona specializzata nella comunicazione con loro. Solo dopo aver chiesto all'animale l'approvazione per l'intervento, possiamo procedere".

"L'intervento che pratichiamo più spesso? Il ringiovanimento vaginale. Sì, fa sorridere a pensarci ma è una pratica che riduce le perdite e il rischio di contrarre infezioni ai reni”. E lo stesso discorso, precisa il chirurgo, vale per la riduzione delle mammelle: "l'intervento fa diminuire la possibilità di infezioni cutanee". Molte operazioni di chirurgia estetica infatti secondo il miglior veterinario in città - così come è stato definito dal Los Angeles Magazine - possono migliorare le qualità della vita di un animale: un lifting ad esempio aiuta i mastini e i terranova a non perdere saliva, mentre un nosejob aiuta cani come i boston terrier, i boxer e i bulldog a respirare meglio. Il botox è spesso usato sui cani di 13-14 anni per sciogliere le giunture affette da artrite.

Anche l'eyelift (blefaroplastica) fatta ai chow chow e agli sharpei non serve per dare una rinfrescata al loro sguardo ma per aiutarli contro la predisposizione genetica delle loro palpebre che, tendendo a schiacciare gli occhi, creano danni alla cornea e lesioni che possono portare a ulcere. Gli interventi di chirurgia estetica sono costosi e oscillano tra i cinquecento e i duemila dollari. L'eyelift parte da cinquecento dollari, ma può arrivare fino a mille a seconda della gravità del caso. I lifting invece partono dai mille dollari. Le protesi di testicoli, chiamate Neuticles e certificate dalla Food & Drugs Administration, variano per grandezza e qualità. Il costo della mascolinità canina? Dai 73 dollari ai 399 dollari al paio...

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.