^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 132 visitatori e nessun utente online

Il drongo codaforcuta: un vero opportunista

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Gridare 'al fuoco' in un ristorante per far fuggire tutti e poter mangiare indisturbati le pietanze nei piatti. Uno stratagemma simile, trasposto nel regno animale, è messo in atto dal drongo codaforcuta, un uccello africano che emette un segnale d'allarme anche in assenza di pericoli, in modo da spingere gli altri volatili a mettersi in salvo abbandonando il cibo procacciato.

Stando ai ricercatori dell'università di Città del Capo, la tecnica sarebbe ben collaudata, perché per dare l'allarme e risultare credibile il drongo riuscirebbe a imitare i versi di altri animali. Il drongo codaforcuta - si legge nello studio pubblicato sulla rivista Science - è solito stazionare sopra gruppi di uccelli che si procacciano cibo a terra, come i garruli bicolore, e dare loro l'allerta quando è in arrivo una minaccia.

Dopo una lunga osservazione nel deserto africano del Kalahari, gli esperti hanno scoperto che il segnale d'allarme viene però lanciato anche in assenza di rischi, in modo da spingere gli uccelli a volare via e scendere in picchiata a rubare i loro avanzi. Non solo: visto che il suo falso allarme, dopo alcune ripetizioni, smette di essere credibile, il drongo ha imparato a imitare i segnali di pericolo emessi da altri uccelli, ad esempio lo storno.

E come imitatore risulta piuttosto bravo, riuscendo a riprodurre fino a 32 versi d'allerta differenti. ''La maggior parte dei segnali di allarme del drongo sono onesti, ma quando un garrulo trova uno spuntino particolarmente grande o allettante, il drongo lancia un falso allarme per potersene impadronire'', spiega la ricercatrice Amanda Ridley. ''Se il garrulo scopre che il drongo sta mentendo e ignora il suo segnale, allora il drongo cambia tattica e imita uno storno o un'altra specie locale che risulta credibile''.

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2014-05-11 09:14
La natura è fatta davvero bene! occhi Che furbo questo uccello!