^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Australia, koala a rischio estinzione

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Sono carini e simpatici, sono uno degli animali simbolo del continente australiano. Ma sono in pericolo. La fondazione australiana del koala stima che in natura non restino che circa 43mila esemplari mentre, prima dell'arrivo dei primi coloni britannici nel 1788, il loro numero era stimato a oltre 10 milioni. Questi marsupiali sono vittime del cambiamento climatico, della progressiva riduzione del loro habitat, degli attacchi di cani, degli incidenti di automobile e di malattie e per questo è stato lanciato un piano di salvataggio da 45 milioni di dollari australiani, circa 30 milioni di euro.

Diversi studi hanno evidenziato una diminuzione del 26% del loro numero nel Nuovo Galles del Sud negli ultimi 15 anni. Il denaro sarà impiegato per la ricerca, la protezione di strade pericolose e per un nuovo ospedale destinato a curare gli animali malati, oltre che per la creazione di un numero verde per segnalare i marsupiali che hanno bisogno di aiuto. «I koala sono un tesoro nazionale», ha dichiarato Gladys Berejiklian, primo ministro del Nuovo Galles del Sud, presentando il programma di conservazione promosso dall'Esecutivo.

Proprio per evitare lo sfruttamento e il maltrattamento di animali selvatici e specie minacciate, anche Instagram si è alleato con alcune organizzazioni ambientaliste - in particolare nel settore turistico - e dichiara guerra ai selfie con specie selvatiche o a rischio scomparsa. D'ora in poi ad ogni ricerca di determinati hashtag, tipo #koalaselfie o #slothselfie (selfie con koala o bradipo) il social mostrerà agli utenti un avviso per ricordare che «l'abuso di animali e la vendita di specie minacciate o di loro parti non è consentita su Instagram». La piattaforma segnalerà che quegli hashtag «possono essere associati a post che incoraggiano comportamenti dannosi per gli animali o per l'ambiente».

Una mossa che cerca di rendere le persone più consapevoli e di sensibilizzarle nei confronti della natura. L'iniziativa è stata lanciata in collaborazione con WWF, Traffic e World Animal Protection. L'obiettivo è destare l'attenzione nei confronti di siti e attrazioni turistiche nel mondo che sfruttano animali selvatici in cattività, ma anche scoraggiare comportamenti di ogni tipo che possono essere dannosi per la natura. L'anno scorso divenne virale e destò molte polemiche il caso in Argentina di un esemplare di un raro delfino tolto dall'acqua da un gruppo di bagnanti per scattare foto e selfie. L'esemplare morì poco dopo. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2018-05-18 10:31
Ancora una vittima (migliaia!) dell'egoismo umano. Se la speranza è l'ultima a morire....speri amo!
 
 
Susi
0 #1 Susi 2018-05-17 14:39
Spero di tutto cuore che questo piano di salvataggio avrà successo c09