^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Wwf: grifoni di nuovo nei cieli della Sardegna

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

I grifoni torneranno a volare numerosi nei cieli della Sardegna, grazie al progetto pluriennale LIFE “Life under griffon wings” (Vita sotto le ali del grifone) redatto dalle istituzione regionali (Università di Sassari, Sardegna Foreste, Corpo Forestale regionale e Comune di Bosa) e finanziato dall’Unione Europea. Ma il seme di ciò che oggi viene realizzato, è stato seminato molti anni fa, con attività di puro volontariato. Quella del Wwf è una promessa che fa gridare al miracolo visto che nel 2000, tra Bosa e Alghero, era stata registrata una sola nascita.

Una battaglia che dura più di quarant'anni, quella per i rapaci che avevano scelto come nido la rocciosa costa del nordovest dell'isola. I primi ambientalisti sardi, nel 1974, avevano già capito che la lotta sarebbe stata molto dura: giovani naturalisti pionieri si inerpicavano nei sentieri di Punta Cristallo per alimentare i grifoni a rischio estinzione perché lassù c'era poco da mangiare. Negli anni Ottanta i progetti proseguirono con la Lipu e la Regione che sostenevano i progetti di reintroduzione.

Con alterne fortune perché, a complicare la battaglia, si erano messi di mezzo i bocconi avvelenati in realtà destinati alle volpi. Una catena alimentare di morte: i grifoni si cibavano delle carogne avvelenate. E morivano. Alcuni dati: nel 1998 la colonia di Alghero e Bosa venne dimezzata passando da circa 120 a 60 esemplari. Sino all'unica nascita del 2000. "Ieri come oggi - spiega Carmelo Spada, delegato Wwf per la Sardegna - il periodo della riproduzione e dello svezzamento dei pulli è molto delicato per il successo riproduttivo della specie".

"Ogni anno può succedere che i giovani grifoni ai primi voli, dopo essersi lanciati dai nidi a quota 327 metri sul livello del mare, inesperti nel volo non riescano a trovare le correnti ascensionali per riprendere quota ed, inesorabilmente, finire in mare o su qualche scoglio. Sarebbero destinati a morte certa, se non venissero recuperati con tempestività" - conclude Carmelo Spada. Negli anni tanti giovani grifoni sono stati soccorsi in mare, curati nel centro di recupero della fauna selvatica di Bonassai e poi reintrodotti nel loro habitat naturale. (Foto: Wiki)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-04-18 16:30
Ottime notizie (eccetto i bocconi avvelenati per le volpi *piangere )
c09
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2018-04-18 14:04
La domanda che mi sorge spontanea è....chissà come mai questi splendidi animali continuano a voler abitare in un posto cosi poco ospitale (mancanza di cibo, pericoli, ecc.,)? Di solito i selvatici capiscono quali siano le zone migliori per loro.
Un grande applauso ai volontari che permettono a queste splendide creature di non estinguersi c36