^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Giornata fauna: grandi felini a rischio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Il 13% dei felini selvatici è a rischio estinzione, soprattutto a causa della caccia e della perdita di habitat. Ghepardi, giaguari, leoni, leopardi, linci, puma e tigri: le specie più veloci e possenti del pianeta cadono sotto il fuoco incrociato di bracconaggio, traffici illegali, cambiamento climatico. Il monito è arrivato dalle Nazioni Unite, in occasione della Giornata mondiale della fauna selvatica quest'anno dedicata ai grandi felini e che si è tenuta lo scorso 3 marzo. Le minacce ai grandi felini - osserva il WWF - assumono tratti diversi.

In Asia gli allevatori rispondono alla perdita di bestiame uccidendo centinaia di leopardi delle nevi, una specie di cui ormai, secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), restano meno di 2.500 esemplari in età riproduttiva. In America la perdita di habitat per far posto a piantagioni industriali di soia, canna da zucchero e palma da olio minaccia il giaguaro. La perdita di habitat, insieme ai conflitti con le popolazioni locali, ha anche ridotto del 40% le popolazioni di leoni.

In Asia si contano 3.900 tigri in natura, ma sono 8.000 quelle allevate in Cina, Thailandia, Laos e Vietnam per il commercio di varie parti del corpo dell'animale. Eppure, osserva il WWF, la tutela dei felini garantisce risorse essenziali per le persone che ne condividono il territorio. Ad esempio l'habitat del leopardo delle nevi, un felino asiatico abituato agli ambienti estremi dell'Asia, è lo stesso da cui nascono i 7 più grandi fiumi asiatici che garantiscono la sussistenza di oltre 3 miliardi di persone. La sua salvezza è strettamente legata anche alla conservazione di quei territori estremi.

L’obiettivo prestabilito della Giornata mondiale della fauna selvatica è quello di coinvolgere e responsabilizzare i giovani, incentivandoli ad affrontare i problemi legati alla conservazione della biodiversità. Le Nazioni Unite ricordano infatti che quasi un quarto della popolazione mondiale ha tra 10 e 24 anni e il destino della fauna e della flora del pianeta è nelle mani dei giovani. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-03-14 16:35
Terribile cosa lasciamo ai nostri giovani e mi pesa tantissimo che da loro dipende il futuro di quello che abbiamo quasi totalmente distrutto *piangere
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2018-03-07 11:21
Mi auguro davvero che con un cambio generazionale le cose migliorino per la fauna selvatica.