^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 151 visitatori e nessun utente online

Yellowstone: il grizzly non sarà più tutelato

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Buone e cattive notizie in vista per Yoghi e compagni: i grizzly di Yellowstone - che negli anni Cinquanta hanno ispirato i personaggi dei cartoni animati di Hanna e Barbera (il parco di Yoghi e Bubu veniva però chiamato Jellystone) - stanno per essere tolti dalle liste delle specie a rischio estinzione tutelate a livello federale. La decisione è stata presa dopo l'aumento della popolazione di orsi. Nel 1975, quando era scattata la tutela, i grizzly (chiamati anche orsi grizzly o orsi grigi) sono passati da 136 a 700 nel parco americano.

La decisione, che trova contrari gli animalisti, farà sì che dopo oltre quarant’anni la giurisdizione sugli orsi tornerà ai tre Stati in cui ricade il parco di Yellowstone, Montana, Idaho e Wyoming, che potrebbero anche consentire la caccia nelle aree limitrofe al parco. L'attività venatoria sarebbe possibile finché il numero di esemplari non scende sotto quota 600. Wyoming e Montana ritengono improbabile un'apertura della caccia all'orso quest'anno, mentre per l'Idaho è ancora presto per discuterne. Le preoccupazioni degli ambientalisti sono motivate anche dall'effetto serra che sta cambiando l'ecosistema della regione dei parchi.

Questo metterebbe a rischio, tra l'altro, l'esistenza di un pino di cui gli orsi mangiano la corteccia: proprio per questa ragione nel 2007 un tribunale federale aveva bloccato il 'delisting'. La protezione delle specie a rischio negli Stati del West è un tema fortemente politico. I repubblicani hanno presentato varie proposte per cambiare la legge che ne fissa i criteri: una di queste, sponsorizzata dal senatore Rand Paul del Wyoming, richiederebbe il sì del Congresso per ogni nuovo inserimento e l'uscita dalle liste dopo cinque anni di protezione. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2017-06-28 13:46
Non so cosa pensare..... da una parte posso capire, dall'altra l'intervento del uomo nella natura ha raramente portato bene *confuso