^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 110 visitatori e nessun utente online

Riduzione habitat minaccia i grandi predatori

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Le strade che frammentano la natura, riducendo l'estensione degli habitat, rappresentano una minaccia alla sopravvivenza di grandi predatori, mentre le automobili sono un pericolo per gli animali più piccoli, che possono essere investiti. Lo afferma un team di ricercatori tedeschi e portoghesi nel primo studio globale dedicato agli effetti delle strade sui carnivori. Gli studiosi hanno preso in esame 232 specie di carnivori sulle 270 esistenti nel mondo. Tra queste hanno individuato le 17 specie che risentono più pesantemente della presenza di strade.

Si va dall'orso bruno e l'orso nero americano al puma e alla faina, quest'ultima particolarmente esposta al passaggio delle auto. Oltre la metà delle specie non figura tra quelle a rischio secondo l'IUCN (Unione internazionale per la conservazione della natura), osservano gli esperti, secondo cui è stato finora sottovalutato l'impatto negativo delle strade. A rischiare è ad esempio la lince iberica, presente solo in Spagna e in Portogallo in poche centinaia di esemplari: per gli scienziati potrebbe scomparire dalla faccia della Terra tra 114 anni. E va molto peggio al tasso e alla martora giapponesi: non sono considerati a rischio, ma potrebbero estinguersi nell'arco di 9 e 17 anni rispettivamente, proprio a causa delle strade.

Nella ricerca gli esperti hanno analizzato diversi aspetti, dal tasso di mortalità naturale alla proliferazione, alle abitudini di movimento, quindi hanno calcolato la massima densità di strade con cui le specie possono convivere e la superficie minima di habitat ininterrotto di cui gli animali hanno bisogno per mantenere una popolazione sana. Infine hanno comparato questi dati con le reti stradali esistenti. "I nostri risultati mostrano che il Nord America e l'Asia sono le regioni con il più alto numero di specie negativamente influenzate dalle strade - spiegano i ricercatori - seguite dal Sud America e dall'Europa". (Foto: Pinterest)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #2 Perla 2017-02-20 11:21
Profonda tristezza pure da parte mia *piangere *piangere
 
 
Susi
0 #1 Susi 2017-02-18 18:05
Che tristezza. Chissà se il futuro ci porterà una soluzione o se la presenza umana distruggerà veramente tutto *arrabbiato