^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 144 visitatori e nessun utente online

L'effetto del clima sugli animali 'freddi'

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Quelli che potrebbero non esserci più sono leopardo delle nevi, orsi polari, stambecchi; quelli che invece potrebbero abbondare sono zanzare, meduse e parassiti tipo il punteruolo rosso, il killer delle palme, e le zecche. E, sì, perché a quest'ultimi piace il caldo. È questo l'effetto del clima che cambia sulle specie che non solo mette a rischio gli animali ma anche gli ecosistemi 'del freddo' e gli oceani, secondo quanto viene affermato in un nuovo report del Wwf 'Biodiversità e cambiamenti climatici' lanciato alla vigilia del vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Parigi.

Lo scenario disegnato dall'aumento delle temperature potrebbe consegnarci ''un Pianeta invaso da specie adattabili e invasive''. Diverse specie di animali e piante, l'84% di quelle che vicono in ambienti aridi, ''per fuggire al riscaldamento del Pianeta stanno spostando i loro areali di distribuzione. Ma per le specie d'alta quota non esistono vie di fuga. La riduzione dei ghiacciai e dei periodi di innevamento su tutto il Pianeta sta minacciando molte specie alpine. In queste aree di criosfera vivono 67 mammiferi terrestri, 35 marini e 21.000 di altre specie di animali, piante e funghi''.

Anche gli oceani sono un altro ecosistema ad alto rischio: il cambiamento climatico è ''il principale responsabile della perdita del 50% del coralli delle barriere coralline. Uno degli effetti più drammatici del cambiamento climatico sui coralli è il 'bleaching', lo sbiancamento dei coralli che porta alla morte degli invertebrati marini; l'aumento di anidride carbonica degli oceani insieme all'aumento delle temperature delle acque producono una vera e propria acidificazione. Dall'inizio dell'era industriale, l'acidità degli oceani è aumentata del 26%. All'attuale livello di riscaldamento e acidificazione delle acque rischiamo di perdere le barriere coralline entro il 2050''. (Foto: Pinterest)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #1 Perla 2015-11-16 18:53
Troppo triste leggere articoli sul cambiamento climatico e le conseguenze sui più deboli.... *piangere