^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 183 visitatori e nessun utente online

Dove c'è frastuono, gli uccelli urlano

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il rumore causato dal traffico o da altre attività dell'uomo spinge gli uccelli a 'cantare' più forte per farsi sentire. Lo sostiene uno studio coordinato dall'università di Exeter, che spiega come gli esemplari della specie Sialia sialis - uccellino azzurro orientale, uno dei pochi generi di turdidi che vive nel continente americano, dove è considerato simbolo di ottimismo e di felicità, nonchè emblema  dello Stato di New York - modificano il loro canto in risposta ai rumori crescenti dell'ambiente in cui vivono.

Secondo la ricerca, pubblicata sulla rivista Integrative and Comparative Biology, gli uccelli riescono a percepire l'aumento del rumore e modificano il loro canto 'in tempo reale' per aumentare le probabilità di farsi sentire da potenziali compagne o dai rivali. In città la capacità di urlare più forte ha ridisegnato la mappa delle popolazioni di uccelli. I cambiamenti osservati rendono il maschio meno attraente per le femmine, che gli studiosi sanno non apprezzare i canti d’amore a tonalità più alte. Di conseguenza non si lasciano conquistare facilmente e questo ha un certo impatto sulla riproduzione della specie!

I ricercatori hanno registrato il canto di 32 uccelli maschi di Sialia sialis, analizzando per ogni esemplare i suoni prodotti in un ambiente tranquillo e quelli emessi con forti rumori di sottofondo. E hanno scoperto che quando il rumore aumentava gli uccelli producevano suoni più forti e più bassi di tono. Secondo la ricercatrice dell'università di Exeter Caitlin Kight, autrice principale dello studio, i risultati ottenuti potrebbero essere utili per migliorare la comprensione del legame tra ambiente e comunicazione degli animali e aumentare la consapevolezza dell'impatto che i cambiamenti causati dalle attività dell'uomo possono avere sulla fauna.

Ma non solo gli uccelli di città devono aumentare il volume dei loro richiami, ma anche le rane che vivono vicino alle strade, i grilli, le cicale, le cavallette e perfino le balene oramai frastornate dai sonar delle navi, mentre i delfini si allontanano dalle rotte più battute... (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-09-10 13:37
poverini.... *piangere