^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 93 visitatori e nessun utente online

Sos giraffe: diminuite del 40%

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Vessillo indiscusso della natura africana dal Sub-Sahara al Sud-Africa, dal Kenya alla Nigeria, con il suo lungo collo e il passo elegante, la giraffa ha un futuro a rischio. Negli ultimi quindici anni ha subito un declino del 40%, con 80.000 esemplari rimasti in natura. Così le è stata dedicata una Giornata mondiale: il 21 giugno - quest'anno alla seconda edizione - data scelta per associazione con la lunghezza che caratterizza il collo della giraffa (il 21 giugno ha il giorno più lungo o la notte più lunga a seconda dell'emisfero in cui si vive) come spiega la 'Giraffe Conservation Foundation'.

Animale nazionale della Tanzania e considerato 'reale' in Botswana, è a rischio estinzione secondo l'Iucn (l'unione mondiale per la conservazione della natura) che nel 2008 ha inserito nella lista rossa la giraffa dell'Africa occidentale e nel 2010 quella di Rothschild. In Uganda, in particolare, oltre a subire il problema generale della frammentazione dell'habitat a scopo produttivo, la giraffa è incalzata dall'incremento dell'attività mineraria nel Parco Nazionale Murchison Falls. La Fondazione per la conservazione della giraffa ha lanciato quest'anno l'Operazione Twiga per raccogliere fondi con un target di 100mila dollari, un'iniziativa sostenuta in Italia dal il Parco Natura Viva di Bussolengo, in provincia di Verona.

Fra le nove sottospecie di Giraffa ('Angolana' ce ne sono meno di 15mila, 'Kordofan' meno di 2.000, 'Nubian' meno di 650, Sud Africa o del Capo meno di 17mila, Africa occidentale 400, reticolata meno di 4.700, Thornicroft meno di 550, Masai o Kilimanjaro 37mila) quella di Rothschild è la più a rischio, "sopravvive per lo più in Uganda con 1.100 esemplari", spiega Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva e presidente dell'Unione Italiana Zoo e Acquari. A questa situazione, gli zoo d'Europa fanno fronte cooperando con specifici ruoli nell'ambito Programma Europeo delle Specie Minacciate per sostenere la 'conservazione in situ', ovvero nell'habitat naturale della specie.

"La savana del Parco Natura Viva ospita quattro maschi di Giraffa, in un assortimento non casuale, che non prevede l'inserimento di femmine fertili", prosegue Avesani Zaborra. "Abbiamo deciso di non avere 'famiglie', ma di accogliere solo esemplari maschi da altri zoo, dar loro una casa e allevarli per trasferirli in altre strutture che abbiano le condizioni giuste per la riproduzione. Questa strategia non solo evita il pericolo di accoppiamento fra consanguinei ma aiuta anche a gestire nel modo migliore le nascite". Come è già accaduto ad Amos e Themba, che sono arrivati a dicembre da Paesi Bassi e Germania e a Filippetto, che è stato trasferito in Francia dove è diventato papà. Gli zoo continueranno a coordinare le popolazioni ospitate, in attesa che gli studi scientifici siano sufficienti per mettere in campo progetti di reintroduzione efficaci. (Foto: Wiki)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
+1 #1 Perla 2015-07-02 14:24
Che tristezza! *piangere