^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Yellowstone: letargo già finito per gli orsi

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Secondo quanto riportano i funzionari del grande parco nazionale statunitense, gli orsi iniziano ad uscire precocemente dal letargo a causa della stagione invernale troppo mite. Dalle rilevazioni è emerso che questi grandi animali si stanno svegliando settimane prima del normale per l'arrivo anticipato della stagione primaverile, che sta portando temperature più calde del solito e pioggia anzichè neve. Secondo i portavoce del parco, il primo grizzly è stato osservato nel tardo pomeriggio del 9 febbraio nella parte centrale del parco.

Normalmente i primi avvistamenti degli orsi nel periodo tra il 2012 e il 2014 sono stati registrati tra il 4 e il 14 marzo. Il fenomeno ha portato Yellowstone ad invitare escursionisti e sciatori a restare sempre in gruppi di almeno tre persone, fare rumore sul proprio tragitto e portare sempre uno spray anti orso con sè. Gli orsi che emergono dalle loro tane iniziano subito la ricerca di cibo; sono particolarmente attratti dalle carcasse di alci e bisonti che diventano una fonte di cibo molto importante.

Il Parco Nazionale di Yellowstone - che attira più di tre milioni di visitatori ogni anno -  festeggia il suo 100esimo compleanno quest'anno. Data la sua importanza ecologica, nel 2014 il parco è stato scelto per essere una delle 60 stazioni di monitoraggio del cambiamento climatico come parte del più grande studio a lungo termine del surriscaldamento terrestre in Nord America; progetto chiamato National Ecological Observatory Network (NEON).

Gli animali che vanno in letargo "si adattano all'ambiente esterno, sia alla zona sia alla temperatura. Dunque, se l'orso di Yellowstone si è risvegliato prima del tempo ed è uscito dalla tana cercando cibo vuol dire che la temperatura mite si è protratta e l'orso ha riacquistato prima del tempo le proprie attività" spiega lo zoologo Giovanni Amori, primo ricercatore del Cnr, confermando quindi che il risveglio prima del tempo dei grizzly è da legare ad una stagione primaverile anticipata.

"Le regole del letargo valgono per varie specie di animali, mammiferi, rettili, insetti che si adattano a condizioni di freddo intenso: si abbassa la temperatura corporea, rallentano le attività vitali, cioè battito cardiaco, respirazione, metabolismo - ricorda il ricercatore - C'è, in sostanza, un risparmio energetico" da parte dell'animale "che ha fatto provvista di grasso durante il periodo più caldo" tanto da non aver bisogno di bere né di cibo.

Se durante il periodo di 'quiescenza' ci sono giornate più calde "le femmine degli orsi, ma vale ad esempio anche per i rettili, si svegliano e allattano i cuccioli. Un periodo più breve di letargo non crea problemi - osserva lo zoologo - ma fa riprendere prima le capacità; al contrario, se l'inverno è estremamente lungo il letargo si prolunga facendo esaurire le riserve per cui alcuni animali possono anche morire". (Foto: Pinterest)

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-02-19 20:19
Notizie preoccupanti *piangere