^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 129 visitatori e nessun utente online

Barriere coralline sempre più a rischio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Nel giro di vent’anni la maggior parte delle barriere coralline dei Caraibi potrebbe scomparire. Non sarebbe colpa del riscaldamento climatico, ma della pesca indiscriminata di pesci pappagallo e della morte dei ricci di mare, che si nutrono di alghe invadenti che ne bloccano la crescita. Hanno lanciato l'allarme ONU e UINC che hanno dimostrato come dai primi anni ‘80 si sia progressivamente perso oltre il 50% della superficie prima occupata da banchi corallini.

“Se ci sono troppe alghe è difficile ripristinare i coralli”, ha spiegato il direttore del programma marino dell’UINC Carl Gustaf Lundin, “per questo è importante frenare la pesca indiscriminata e vietarla lungo le coste”. Secondo il rapporto di ONU e UINC (Unione internazionale per la conservazione della natura), le zone che si conservano meglio, sono quelle delle Bermuda o del nord del Golfo del Messico, dove le autorità hanno vietato le pratiche di cattura che nuocciono ai pesci pappagallo.

Una via che perseguiranno anche altri paesi, come Barbuda, che sta per vietare la pesca e trasformerà in riserve marine un terzo delle sue coste. Dunque occorre intervenire alla svelta, per evitare quella che rischia di essere una scomparsa definitiva, con il rischio che le generazioni future non riescano ad ammirare uno dei più importanti patrimoni naturali presenti al mondo.

Fonte

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2014-07-17 22:10
Che tristezza! piangere
 
 
Susi
0 #1 Susi 2014-07-16 17:21
ancora una meraviglia messa in serio pericolo dall'umanità arrabbiato