^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

L'animale dell'anno è il grillo campestre

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il grillo campestre - Gryllus campestris secondo la denominazione scientifica - è stato eletto animale dell'anno da Pro Natura. L'organizzazione ambientalista dedica il 2014 a questo 'timido concertista', rivendicando così più prati fioriti ricchi di specie in Svizzera. Sul nostro territorio l'insetto vive soprattutto nelle valli a clima temperato. Se l'ambiente è caldo e secco, lo si può però trovare fino a 1800 metri di altitudine. È una delle nove specie di grillo presenti nella Confederazione. 

Pro Natura si occupa di una rete di oltre 600 riserve naturali in tutta la Confederazione. In queste aree, i prati e i pascoli sono gestiti in modo estensivo, proprio come piace al grillo campestre, presente in numerose di queste riserve, indica l'organizzazione sul proprio sito. Con la sua campagna 'Flower Power – quando l'amore si fa fiore', Pro Natura si adopera affinché i prati e i pascoli colorati e ricchi di specie tornino ad aumentare. Il grillo campestre appartiene al gruppo degli ortotteri - che comprende pure le cavallette e le locuste - di cui in Svizzera si contano 111 specie. Il 40% di esse è minacciato, ma non il grillo campestre.

L'ambiente che predilige - prati e pascoli soleggiati gestiti in modo estensivo - si stanno tuttavia sempre più riducendo. Nonostante abbia le ali, il grillo campestre non sa volare e al di fuori del suo ambiente è poco mobile, così oggi molte popolazioni vivono completamente isolate tra di loro. Una condizione che rende vulnerabile questa specie di per sé frequente e che potrebbe provocarne l'estinzione a livello locale. Il timido insetto è noto per il suo sonoro frinire, che può raggiungere i 100 decibel e si ode fino a 100 metri di distanza.

Il suo canto è opera solo dei maschi, che in questo modo marcano il loro territorio e al contempo segnalano la loro presenza alle femmine pronte per l'accoppiamento. Malgrado il potente suono, individuare un grillo tra i fili d'erba è tutt'altro che facile; infatti tace non appena ci si avvicina e sparisce rapidamente nella tana da lui stesso scavata nel terreno, una galleria senza diramazioni che può raggiungere anche i 40 centimetri di lunghezza. Le ali anteriorimodificate (dette elitre) sono il suo 'strumento'. Una nervatura presenta sul lato inferiore una fila di circa 140 dentini, che vengono passati come l'archetto di un violino sul bordo liscio dell'altra ala.

Una membrana alla base delle ali amplifica il suono come un altoparlante. Le ali sollevate e l'ingresso della tana fungono da megafono. La femmina percepisce il richiamo con i suoi minuscoli organi uditivi a fessura posti sulle zampe anteriori. Se il canto le piace, lo segue fino a raggiungere colui che lo emette. Il maschio, quando vede la femmina avvicinarsi, cambia immediatamente tema musicale e la corteggia con una sommessa 'melodia amorosa'. Il grillo si accoppia spesso davanti all'ingresso della tana del maschio. La femmina depone poi le uova nel terreno e le abbandona al loro destino.

Dopo 2-3 settimane, nascono i piccoli, che già assomigliano agli adulti ma non hanno ancora le ali. Le larve vagano senza meta per tutta l'estate, mangiando e mutando pelle fino a dieci volte. Soltanto in autunno i giovani diventano sedentari e scavano la loro tana oppure ne rinnovano una abbandonata per trascorrervi l'inverno. La primavera successiva cambiano pelle ancora una o due volte per raggiungere lo stadio adulto all'inizio di maggio. Lungo tra i 18 e i 27 millimetri, il grillo campestre ha un corpo nero e tozzo, una testa rotonda e ali brune con venature nere. (Foto: Wiki)

Fonte: sda-ats

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Nikiezorro
0 #2 Nikiezorro 2014-01-09 10:11
:lol: :lol: da me ci sono gli smiles 8)
 
 
Susi
0 #1 Susi 2014-01-08 18:18
Non posso immaginarmi un'estate senza il canto dei grilli!