^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

La lucertola degli arbusti

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

La lucertola degli arbusti (Lacerta agilis) è un sauro della famiglia dei Lacertidi diffuso in gran parte dell'Europa e in parte dell'Asia fino alla Mongolia. I giovani alla nascita misurano circa 6 cm e sono marroni con due strisce longitudinali più chiare sul dorso. Sui fianchi hanno delle macchie chiare circondate di nero e al centro del dorso ci sono varie macchie nere ovali con delle più piccole macchie chiare all'interno. I maschi adulti sono grandi e robusti e possono raggiungere i 25 cm di lunghezza, compresa la coda. Hanno i fianchi e i lati del capo di un bel verde brillante.

Di solito superiormente hanno due strisce beige longitudinali e la schiena è marrone con macchie variabili, più chiare o più scure. La parte superiore del capo è solitamente marrone. Le femmine sono brune con due strie longitudinali sul dorso più chiare e macchie più chiare o più scure. La colorazione è comunque variabile tra le varie sottospecie. La lucertola degli arbusti è una specie diurna. I maschi si differenziano dalle femmine per essere solitamente verdi ed in particolare per il collo e la testa più grandi in proporzione con il corpo così come altri lacertidi.

L'habitat preferito della lucertola degli arbusti è costituito da aree asciutte e abbandonate. Poiché oggi proprio queste superfici tendono sempre più a scomparire, soprattutto a causa delle bonifiche a scopo agricolo, gli spazi utili per questo animale vengono sempre più ridotti, parcellizzati e limitati alle zone residue. Gran parte delle popolazioni di lucertola degli arbusti vive oggi in tali aree di transizione, spesso nei pochi m2 tra una strada o un margine di bosco e le vaste superfici adibite a colture intensive, oppure lungo le scarpate delle ferrovie e gli argini dei corsi d`acqua, sulle chine, nei fossati, o ancora al margine di siepi o di gruppi di alberi nel mezzo del paesaggio agricolo.

L'animale tende sempre più spesso a occupare giardini privati e pubblici, campi da golf, vivai, cimiteri o altri luoghi simili, a condizione che non vi regni l'ordine più meticoloso. È per questa ragione che la specie viene spesso considerata ancora comune e non minacciata. Basta però un confronto con la situazione di qualche decennio fa a rivelare un netto peggioramento qualitativo dei suoi habitat: al posto delle estese praterie magre e dei pendii aridi dove vivevano molte popolazioni numerose, sopravvive oggi un certo numero di piccole stazioni disseminate sul territorio, con popolazioni minuscole, spesso ridotte a soli pochi individui.

Le loro possibilità di sopravvivenza sono conseguentemente scarse, poichè eventuali perdite producono effetti ben più devastanti che non sulle abbondanti popolazioni di un tempo. A ciò si deve poi aggiungere che tali superfici sono sempre più spesso soggette a rovinosi trattamenti meccanici e chimici. La lucertola degli arbusti è un animale diurno, attivo di preferenza nella tarda mattinata. In questo periodo del giorno buona parte della popolazione si termoregola nei luoghi esposti al sole e negli spiazzi aperti tra vegetazione, dove esiste comunque la possibilità di rifugiarsi immediatamente al coperto.

In mancanza di spiazzi aperti o se il manto vegetale è troppo alto gli animali si soffermano di buon grado su mucchi di ghiaia o macerie, cataste di legna, tronchi o rami sparsi al suolo, grosse pietre o altre strutture emergenti adatte allo scopo. Nei giorni più caldi i rettili trascorrono invece gran parte del loro tempo nella penombra, sotto i cespugli o tra i fili d'erba, così che diviene più difficile individuarli. Si cibano principalmente d'insetti, soprattutto di farfalle e coleotteri, più raramente di altri artropodi, chiocciole o vermi. Lo stato di nutrizione di un individuo è un indizio importante della qualità del suo habitat: l’impoverimento della fauna invertebrata è infatti una certezza della diminuzione delle popolazioni di questo animale.

In Svizzera il periodo di attività della lucertola degli arbusti inizia di norma tra la fine di marzo e l'inizio di aprile. Dapprima appaiono solitamente i giovani, in seguito, i maschi e solo due o tre settimane più tardi anche le femmine. Verso la fine di aprile inizia il periodo degli amori e i maschi esibiscono la loro livrea nuziale, di un verde lucente. Durante questo periodo l'incontro di due maschi sfocia di regola in un combattimento rituale incruento, che termina con la fuga dello sconfitto. Generalmente i maschi si accoppiano con ogni femmina disponibile, anche se non è esclusa la formazione di coppie fisse.

La deposizione delle uova ha luogo in maggio-giugno. Queste ultime, mediamente da 9 a 14 e delle dimensioni di circa 15x10 mm, vengono deposte e riunite in pacchetti in piccole buche scavate del terreno o in altri siti sufficientemente caldi e umidi. Il periodo d’incubazione dipende fortemente dalla temperatura e può durare da 1 a 2 mesi, in casi eccezionali fino a 100 giorni. La temperatura ideale per lo sviluppo delle uova (attorno ai 27 °C) si riscontra nei luoghi senza vegetazione, direttamente esposti al sole, a una profondità che varia tra i 4 e i 12 cm sotto la superficie del terreno. Sull'Altipiano l'offerta di luoghi d’incubazione può essere considerata soddisfacente.

Ad altitudini più elevate, per contro, sembra proprio essere la disponibilità di luoghi d’incubazione idonei a ricoprire il ruolo di fattore limitante e a decidere della sopravvivenza a lungo termine delle popolazioni. La lucertola degli arbusti è una delle due specie di rettili presenti in Svizzera che non compaiono nel Ticino; l'altra è la natrice viperina (Natrix maura). L'areale elvetico della lucertola degli arbusti è infatti circoscritto all'Altopiano e al fondovalle del Vallese. La specie manca in tutto il resto della catena alpina, nel Giura e a sud delle Alpi. Al di sopra dei 1'000 m di altitudine la sua presenza diviene rara, anche se in Engadina è nota una popolazione isolata che raggiunge i 1'600 m. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2018-07-18 15:50
Pure per me tutte le lucertole sono uguali o quasi. Ho imparato qualche cosa in più *wink
 
 
Susi
0 #1 Susi 2018-07-13 13:57
Bello sapere qualcosa in più su questo lucertole, pensavo fossero le stesse in tutta la svizzera c04