^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Il Bichon frisé: estroverso e gioioso

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Il Bichon à poil frisé, come il suo cugino Barbone, discende dal Barbet, per cui il nome divenne 'barbichon', contratto poi in Bichon. È un cane antico con un lungo curriculum di viaggiatore, soprattutto quando, diventato la mascotte dei marinai, fu portato in giro per mezzo mondo, in Spagna, nelle Canarie, in Africa, in Gran Bretagna. In Italia e in Francia compare in periodo rinascimentale e diviene il favorito dei re e dei principi, infiocchettato e viziato, perfino immortalato in diversi dipinti di Goya. Ma la Rivoluzione francese lo fa decadere.

Nell'Ottocento il Bichon frisé è un cane proletario, accompagna gli organini ambulanti, si guadagna il pane nelle fiere. Ma negli anni Venti gli amatori del Bichon decidono di ridargli il sangue nobile perduto, lo riselezionano, fissano le caratteristiche della razza, lo fanno conoscere in Europa e in America. È un piccolo cane elegante, somigliante al Bolognese, ardito, vivace, vigoroso, di forte temperamento, pieno di dignità, con espressione intelligente. Ha cranio largo e rotondo coperto da abbondante pelo, muso non lungo, leggero, con stop lievemente accentuato e tartufo nero e tondo, dentatura a forbice.

Le orecchie sono cadenti, ben guarnite di pelo finemente arricciato e lungo. Sono portate piuttosto in avanti. Il corpo è un po' più lungo che alto, ben sviluppato e muscoloso. Altezza compresa tra i 22 e i 30 cm. Peso in proporzione alla taglia. Gli occhi sono tondi e scuri. La coda è incurvata sulla schiena. Il mantello è ricco, setoso, ricciuto, bianco, o bianco con riflessi crema e albicocca. Può essere presentato toelettato alla leoncina (come il Barbone) oppure a pelo integro con tosatura soltanto ai piedi e al muso. Richiede una toelettatura regolare e considerevole.

Il suo splendido e morbido pelo - una delle sue caratteristiche più intrigante - deve essere spazzolato quotidianamente, quindi soltanto coloro che hanno tempo per dilettarsi nel lungo rituale della toelettatura dovrebbero prendere in considerazione questa razza. È un cane tra i più fiduciosi e si affeziona pressoché a tutti gli esseri umani con cui verrà in contatto, in particolar modo a quelli che avranno voglia di giocare con lui. Il carattere giocoso e vivace non implica che sia iperattivo. Anzi, il Bichon frisé non si aspetta lunghe passeggiate ed è dotato di una buona capacità di adattamento.

Con un'aspettativa di vita di circa 14 anni, questa razza è adatta a diventare un buon animale di famiglia. Tuttavia, in particolare i proprietari alle prime armi dovrebbero rendersi conto che è difficile abituare questo cane a vivere in casa; inoltre le femmine sono particolarmente problematiche. In questa fase sono fondamentali perseveranza e pazienza, che verranno totalmente ricompensate quando il cane diventerà un animale adulto affettuoso, divertente e felice. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2018-06-16 08:18
Amo i piccoli cani e questo gioiellino è meraviglioso!! c36
 
 
Susi
0 #1 Susi 2018-06-14 11:34
Dopo essermi ricreduta sui cani piccoli avendo accolto i barboncini e mia figlia un chihuahua, penso che questo cagnolino sia meraviglioso c07
Grazie per la presentazione c09