^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Lo Smergo maggiore

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Lo Smergo maggiore (Mergus merganser) è un'anatra di grosse dimensioni, distribuita in tutta l'Europa, l'Asia settentrionale e l'America del Nord. È più comune in laghi e fiumi. Maschi e femmine sono facilmente distinguibili, dal momento che lo smergo maschio ha la testa verde scura, mentre la testa della femmina è bruno-rossastra. Lo Smergo maggiore è lungo 70 cm e l'apertura alare è di 78–94 cm, presenta una forma piuttosto slanciata e il suo profilo sull'acqua risulta essere basso.

Questi grandi mangiatori di pesci hanno i margini dei loro becchi seghettati per far meglio presa sulle loro prede. Insieme alla pesciaiola e agli altri smerghi, sono noti spesso come 'becchi a sega'. Si nutrono anche di cozze e gamberetti; i giovani uccelli si nutrono soprattutto di insetti acquatici. La femmina presenta un cappuccio marroncino che arriva fino alla gola e ha un bordo netto. Il mento è bianco e vi è una parte più scura tra l'occhio e la base del becco. I fianchi, come anche il dorso sono grigi e si schiariscono in prossimità del petto. Il giovane è molto simile alla femmina da cui si differenzia per dei segni chiari tra il becco e l'occhio.

I suoi nidi possono trovarsi nelle cavità degli alberi. Il maschio in abito riproduttivo è molto particolare e facilmente riconoscibile. Infatti presenta i fianchi rosati e il dorso nero. Inoltre il becco rosso vivo contrasta con il cappuccio verde smeraldo. Nel piumaggio eclissale, risulta invece essere molto simile alla femmina da cui però si differenzia per una grande macchia alare bianca. In volo la femmina mostra uno specchio alare bianco e le copritrici alari grigie chiare, mentre le primarie sono più scure. Il maschio invece ha copritrici, terziarie e secondarie bianche e le primarie sono invece nere. Inoltre nel maschio è molto evidente il distacco tra il collo bianco e il cappuccio verde smeraldo.

Gli uccelli nordamericani migrano verso sud in piccoli gruppi fino agli Stati Uniti ovunque sia possibile trovare stagni, laghi e fiumi liberi dal ghiaccio; sulla costa occidentale, alcuni uccelli sono permanentemente stanziali. Anche gli uccelli scandinavi e russi migrano verso meridione, ma gli uccelli europei occidentali sono per la maggior parte stanziali. In Europa la specie presenta popolazioni nidificanti alle alte latitudini e lungo i maggiori fiumi dell’Europa centrale, con recente frequentazione di siti riproduttivi più meridionali in Francia, Svizzera, Austria, Italia e Slovenia.

In Italia la specie è nidificante da pochi anni, con i primi casi segnalati in Veneto, Piemonte, Friuli Venezia-Giulia e Lombardia. Lo Smergo maggiore migra sul territorio italiano in modo piuttosto scarso e regolare, con movimenti tra ottobre-dicembre e febbraio-marzo, con massimi di presenza concentrati tra dicembre e febbraio in Pianura Padana interna, soprattutto presso i laghi Verbano, Mezzola (posto a settentrione del lago di Como), Santa Croce (provincia di Belluno) e in Alto Adriatico. La popolazione nidificante italiana appare in rapido e costante aumento. In Lombardia nidifica da pochi anni presso i principali laghi prealpini e lungo il tratto settentrionale del fiume Ticino. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2018-05-10 17:49
Durante la nostra prossima passeggiata lungo il lago (o fiume) starò più attenta ad osservare le anatre.....mi sembra aver capite che oltre il colore descritto lo Smergo sia molto grande c48