^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

L'alimentazione ideale per il criceto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

In natura il criceto si nutre di cibi di tutti i tipi, per cui anche nelle nostre case la sua alimentazione dovrebbe assomigliare il più possibile a quella dell'animale allo stato selvatico. Anche se, quando si trova allo stato libero, vive vicino ai campi di grano, il criceto non è affatto un animale vegetariano, ma può essere considerato onnivoro, in quanto mangia sia vegetali (piante, tuberi, frutta, semi), sia cibi di provenienza animale (vermi, lumache, rane, insetti, uccellini, topolini...). Tra l'altro, ama scegliere fra diversi tipi di alimenti, tanto che viene sempre consigliato di proporgli un menù ricco e piuttosto vario.

Nella pappa quotidiana del criceto non devono mancare i vegetali freschi, crudi o cotti, che forniscono a questo piccolo roditore fibre, sali minerali, vitamine e acqua. Può mangiare ogni tipo di verdura che piace all'uomo, in particolare broccoli e carote. Vanno bene anche alcune erbe, come il trifoglio e il dente di leone, a patto che provengano da prati di zone non inquinate. Per quanto riguarda le verdure cotte (piselli, patate, fagioli), può essere utile ricordare che è meglio cucinarle con il forno a microonde oppure bollite e che, naturalmente, bisogna dargliele senza condimento.

Il criceto adora la frutta secca, come arachidi, mandorle, noci, nocciole, che è bene spaccare e ripulire dai gusci, visto che non sempre i suoi denti riescono a spezzarli. Va comunque data con grande moderazione perché troppo ricca di grassi e zuccheri. Mangia anche fragole, ciliegie (che si possono lasciare intere), uva, così come pere, mele, albicocche, pesche (che invece è meglio tagliare a pezzi). Ogni due giorni un pezzetto di uovo sodo, qualche boccone di carne magra cotta, del tonno naturale, un po' di formaggio fresco o di yogurt - ma anche una crocchetta per cani - assicurano al nostro amichetto le proteine di cui necessita.

Vera prelibatezza per lui, anche se indubbiamente al padrone fa un po' senso, sono le larve di insetti, come quelle note con il nome di 'camole del miele', che si trovano nei negozi di esche per la pesca. Riuscendo a procurargli delle spighe di grano o di orzo, il criceto sarà molto felice e si divertirà a spiluccarle. Altri cibi che mostra di gradire, ma che vanno dati solo di tanto in tanto, sono le fette biscottate, il pane e i vari fiocchi di cereali per la prima colazione, come il muesli (ovviamente nella versione senza zucchero).

Ciò che non deve mai mancare è l'acqua, perché non è assolutamente vero che il criceto ricava i liquidi che gli servono dalla frutta e dalla verdura. Il metodo migliore per dargliela è usare un 'beverino' a goccia da appendere alla gabbia. Date le sue dimensioni, il nostro minuscolo roditore ne beve quantità che a noi possono sembrare ridicole, ma è importante cambiarla tutti i giorni in modo che sia sempre pulita e fresca, e controllare regolarmente che il beverino funzioni, mettendo il dito sul beccuccio per sentire se l'acqua scende con facilità.

I criceti non hanno orari precisi per mangiare e, soprattutto, amano fare più pasti durante la giornata. Anche quando dormono, infatti, interrompono spesso il sonno per andare a rifocillarsi, magari anche con gli occhietti chiusi. Bisogna quindi che il nostro roditore abbia sempre cibo a disposizione, che deve essere fornito preferibilmente di sera, quando inizia la sua attività. Un giusto equilibrio tra cibi secchi appositamente studiati per loro, frutta fresca e verdure, cereali, un po' di proteine animali e semi di girasole, ma non troppi.

La verdura e la frutta devono essere a temperatura ambiente, quindi mai appena tolte dal frigorifero o dai fornelli. I criceti passano molto tempo a occuparsi del nido, foderandolo con i materiali che hanno trovato durante le loro esplorazioni e talvolta anche con cibo trasportato fin lì nelle tasche guanciali. Per assicurargli un ambiente di vita sano e pulito, bisogna quindi controllare che non si tratti di alimenti che vanno a male e comunque togliere ogni mattina gli avanzi dei cibi freschi messi nella gabbia la sera prima.

Fare 'esperimenti' con piatti nuovi o gusti insoliti non è una buona idea: il criceto deve essere abituato alle novità a poco a poco. Assolutamente proibiti alimenti come cioccolato, merendine, dolci e fritti. Se proprio vogliamo premiarlo, non tutti i giorni, però, o più che un premio diventa un vizio, possiamo dargli di tanto in tanto un chicco di uvetta secca oppure un biscottino. Quindi, considerato che il nostro amico non sa cosa gli può far male, è il padrone che deve imparare a dire di no. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2018-04-16 20:26
Sono tanto carini questi criceti, il tuo articolo sulla loro nutrizione è perfetto c09