^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Fido non mangia la pappa: cause e rimedi

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questa sgradevole consuetudine - a volte incoraggiata dal padrone - può dipendere da diversi fattori tra i quali problemi dentali, disturbi gastrointestinali, fonti di disturbo nel luogo in cui mangia, troppi spuntini tra un pasto e l'altro, cibo insoddisfacente ecc. Se il problema si pone regolarmente verifichiamo che il cane non soffra di qualche disturbo. I problemi dentali o gengivali rendono doloroso masticare. I cani alti e quelli con una patologia al collo trovano scomodo chinarsi per mangiare e una ciotola rialzata basta per aiutarli.

Oltre a questo non ne facciamo un dramma: agitarsi o convincere il cane a mangiare premia la sua riluttanza. Diamogli da mangiare e lasciamolo tranquillo. Dopo un quarto d'ora, che abbia mangiato o meno, togliamo la ciotola. Non offriamogli altro cibo (bocconcini compresi) finché non ripeteremo la procedura per il pasto successivo, quando avrà più appetito. Di regola questo è sufficiente.

È bene comunque assicurarci che Fido possa mangiare in pace senza distrazioni. Serviamogli il cibo in un locale tranquillo. Se la targhetta d'identificazione dovesse tintinnare contro la ciotola togliamogli il collare prima del pasto. Le ciotole di plastica possono conservare l'odore di cibo stantio o di detergente; optiamo per una ciotola in ceramica o metallo. Infine, i cani riluttanti hanno bisogno di una qualità di cibo appetitosa.

Non cadiamo nel tranello della carne - insoddisfacente dal punto di vista nutrizionale - ma proviamo mangimi di diverso tipo e consistenza. Inumidire leggermente le crocchette con un po' di sugo spesso è sufficiente per rendere il pasto più appetibile. Stabiliamo anche un orario fisso per i pasti: di regola due volte al giorno (mattino e sera) è sufficiente. Non premiamo mai il nostro amico per aver rifiutato la pappa riempiendolo di attenzioni e offrendogli alternative gustose. Se il problema persiste consultiamoci con il veterinario. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2018-02-24 20:02
come sempre ottimi consigli. da noi solo polli fa qualche volta il difficile, lui e molto sensibile. allora facciamo come scrivi, togliamo il piattino e lo riceve per il prossimo pasto. mi allarmerei se non mangiasse anche questo, ma funziona sempre *lingua
 
 
Perla
+2 #1 Perla 2018-02-22 14:38
Ottimi consigli! Che bella foto hai scelto Niki c36