^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Educare correttamente un cucciolo

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Obbedire deve essere una gioia per Fido. Usare le punizioni, siano esse corporali oppure castighi o anche punizioni psicologiche, come ignorare il cucciolo per lunghi periodi di tempo, è un metodo che finisce per alterare profondamente il suo comportamento e renderlo pauroso, frustrato e confuso. Inoltre il cagnolino può andare incontro a fenomeni di depressione oppure sentirsi indifeso e in pericolo, il che sfocia inevitabilmente in un comportamento aggressivo.

Non è questo il modo giusto per educare un cane, cucciolo o adulto che sia. Ecco alcune regole da seguire per avere successo: quando il cucciolo fa una cosa giusta (ad esempio i bisognini fuori casa), premiamolo e coccoliamolo, magari offrendo anche un bocconcino per invogliarlo a ripetere l'azione corretta in futuro. Questo metodo è detto di 'rinforzo positivo' perché utilizza un'esperienza positiva (premio e carezze) per ottenere il comportamento desiderato.

Se il cucciolo fa un'azione sbagliata, non puniamolo e non diciamogli niente, limitiamoci ad ignorare del tutto lui e ciò che ha fatto. Infatti un cucciolo potrebbe anche ripetere un'azione sbagliata per attirare la nostra attenzione, ma se quell'azione non fa presa su di noi, finirà per non ripeterla più. Evitiamo le situazioni a rischio: per esempio mettiamolo regolarmente fuori per fare i bisognini; in questo modo sentirà più di rado la necessità di farli in casa.

Incoraggiamo sempre i comportamenti positivi e cerchiamo di prevenire quelli negativi. Incentivando i comportamenti positivi e scoraggiando quelli negativi, otterremo in un tempo relativamente breve (ma si tratta pur sempre di qualche mese) un risultato soddisfacente e duraturo, un buon rapporto col cagnolino e la sua disponibilità ad obbedire ed imparare.

La coerenza è veramente un punto fondamentale nell'educazione del nostro amico. Se un giorno gli vietiamo un'azione e il giorno successivo gliela permettiamo, abbiamo già perso la partita: il piccolo dapprima sarà confuso e timoroso e poi deciderà semplicemente che non siamo un capobranco affidabile e farà sempre di testa sua. (Foto: Pinterest

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2017-11-03 18:52
Utilissimi consigli, se penso ai primi corsi che ho fatto io 35 anni fà ( *confuso ) finalmente si educa il cane con amore e non con i strappi e rotoli di giornale.....