^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 48 visitatori e nessun utente online

Il Bovaro delle Fiandre: affidabile e coraggioso

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Bovaro delle Fiandre è originario delle Fiandre, tanto belghe che francesi. È una razza molto antica che da tempi immemorabili viene utilizzata nel rude lavoro di conduttore di bestiame. Si caratterizza per una sorprendente rusticità, ottenuta attraverso una rigorosa selezione naturale, alla quale si è poi aggiunta quella dell'uomo che ha saputo ottenere una notevole omogeneità nel tipo. Le mansioni di questo cane, come dice il suo nome, si differenziano da quelle del pastore perché, anziché il gregge di pecore, gli è affidato l'impegnativo compito di tenere a bada la mandria.

Per poter essere un capo credibile gli si richiede perciò una taglia notevole. E il Bovaro delle Fiandre ha le carte in regola. Il suo aspetto è simile a quello dello Schnauzer gigante dal quale forse discende. Le sue origini sono tuttavia incerte anche se si presuppone sia il risultato di un incrocio tra l'ormai scomparso Alano spagnolo e il Pastore della Linguadoca. Importatori di ambedue le razze e primi fautori dell'incrocio sarebbero stati i dominatori spagnoli. In seguito ci sarebbe stato un innesto di sangue del pastore del Brie e il pastore di Piccardia.

Gli allevatori belgi sostengono però che gli esemplari allevati in Francia recano in sé le tracce del Griffone Korthals e del Pastore di Beauce. Il Bovaro delle Fiandre in passato fu utilizzato anche dalla polizia belga, fin dalla fine del XIX secolo. Anzi, in parecchi casi i poliziotti di ronda erano muniti di due cani, un leggero ma più nevrile Pastore belga e un più grosso e potente ma meno reattivo Bovaro delle Fiandre. È un cane alto più di 60 cm, ha corpo muscoloso e compatto, è resistentissimo alle fatiche e alle intemperie, è ricoperto di pelo arruffato e duro come fil di ferro. Il peso arriva fino ai 40 kg.

Ha testa massiccia con barba e mustacchi molto folti, tartufo allungato, muso largo e possente, occhi scuri di espressione leale ma energica, orecchie erette a triangolo, arti anteriori muscolosi e perfettamente dritti. Il pelo è molto folto. Deve essere ruvido al tatto, secco e opaco, né troppo lungo né troppo corto, all’incirca 6 cm. Leggermente arruffato. Sulla testa è piuttosto corto. Sottopelo fine e fitto, che svolge il ruolo di protezione dalle intemperie e climi rigidi. Colori ammessi: fulvo, grigio, tigrato, carbonato. Il nero è ammesso ma non desiderato. I colori slavati sono indesiderabili.

Nonostante tutto, la sua apparenza è quella di un cane ben proporzionato, agile, persino aristocratico. Come per altri cani da gregge o da mandria, anche il coraggio e l'intelligenza del Bovaro delle Fiandre sono stati sfruttati nella guerra '15-'18 dai comandi francesi e belgi per la ricerca dei feriti e per la consegna dei messaggi. Le Fiandre, la regione che gli dà il nome, è stata più volte teatro di battaglie sanguinose e anche il generoso Bovaro vi ha trovato destino crudele. Un’avventura che ha ridotto ai minimi termini la popolazione di questa razza poi rilanciata da una forte opera di riconsolidamento.

Oggi non è più usato al fianco delle forze dell’ordine e dei militari, così come non lo sono altre razze – Schnauzer gigante e il Terrier nero russo – a causa delle particolari cure che il suo mantello esige. Questo non vuol dire che sia poco diffuso, anzi, la sua è una razza in crescita e il Bovaro delle Fiandre da qualche anno comincia ad essere piuttosto apprezzato. Intelligente e ubbidiente, coraggioso ed equilibrato: il Bovaro delle Fiandre è un cane dall’ottimo carattere, adatto per le famiglie ma anche per mansioni lavorative.

Pur essendo diffidente con gli estranei, equilibrato e sulle sue, questo cane in famiglia si integra perfettamente mostrandosi premuroso e attento con i bambini. E con il padrone: massima ed esagerata devozione. In casa tiene un comportamento impeccabile, non fa pasticci e non disturba, ed è molto adattabile ad ogni tipo di addestramento. Intelligente e rapido nelle decisioni, il Bovaro delle Fiandre è un animale tuttofare, ma l’agilità ed il fiuto eccezionale di solito lo 'indirizzano' a fare il cane da guardia, da difesa o da ricerca di persone.

È necessario però dargli molto affetto, e anche la possibilità di fare quotidianamente parecchio movimento, per poter restare in forma e per esaurire la sua inesauribile carica di energia. Il suo mantello è secco e quindi non andrebbe quasi mai lavato, ma unicamente spazzolato, con cura e con la spazzola a denti di ferro diritti. Questo per eliminare il sottopelo morto. Per il resto si tratta di una razza 'rustica', senza molte esigenze anche dal punto di vista alimentare. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2017-09-15 19:10
Bellissimo, mi piace proprio in tutto c09
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2017-09-15 10:38
Penso di non aver mai visto un cane di questa razza .... Di sicuro un bel cane c28