^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online

I cani hanno un linguaggio ben preciso

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Tra di essi i cani giocano, lottano, talvolta si ignorano totalmente. Quando si incontrano avviene tutto un rituale di drizzamenti di orecchie, di movimenti di coda, di annusamenti e di abbaiamenti. Ebbene, i cani che possiedono un'alta proporzione di sangue di lupo litigano più raramente fra di loro, ma sono sempre pronti a battersi contro gli altri e di preferenza contro quelli che sono rimasti un po' sciacalli. Non commettiamo l'errore di voler giudicare il comportamento del cane paragonandolo a quello dell'uomo.

Così come non dobbiamo comparare il comportamento del cane a quello, per esempio, dell'uccello. Ognuno ha l'intelligenza e gli istinti legati alla propria specie. Tra l'intelligenza umana e quella animale corre un abisso, un abisso insuperabile per l'impossibilità dell'animale di arrivare al pensiero concettuale e logico, e tanto meno al linguaggio verbale dell'uomo. Ma anche i cani 'parlano'. Si esprimono con un codice fatto di un insieme di segni, di percezioni, di odori, che permette loro di comprendersi.

Così le orecchie basse denotano preoccupazione e paura; le orecchie dritte, attenzione; portate in avanti, allarme; coda sollevata e mossa, gioia e sicurezza; coda ferma, inquietudine; coda bassa, insicurezza; coda fra le zampe, paura; labbra sollevate con ringhio, intimidazione. Il cane che porge la zampa è un immaturo o insicuro, oppure obbedisce semplicemente ad un addestramento. Il cane che si sdraia sul dorso è un passivo che si arrende alla maggiore autorità, o un saggio che chiede alleanza.

Il cane come il lupo ha vissuto in branco e riconosce l'ordine gerarchico, per cui si sottomette al padrone come a un capo. Se però non lo stima più per angherie subite ingiustamente, smette di riconoscergli la superiorità. Il gatto non obbedisce all'uomo e non accetta di essere educato, perché fin dai primordi non è mai vissuto in branco; la sua esistenza come realtà vissuta è stata quella di un isolato. Quindi non promuove nessuno, né gatto né uomo, a suo capo. La sua mentalità è all'opposto del cane. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2017-07-02 16:53
Importante articolo per conoscere meglio i nostri Amici cani anche per chi non ne ha c09