^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online

Orientarsi nella scelta del veterinario per Fido

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Al proprietario del cane, che per la prima volta si avvicina alle cure del veterinario, si prospetta il problema della scelta dello stesso. Naturalmente, ci si avvale dei consigli di altri possessori di cani - ad esempio amici, vicini o membri di un'associazione di allevamento o addestramento dei cani - ma incide anche molto la vicinanza alla propria abitazione e quindi la praticità dell’ambulatorio veterinario. Esperienza, capacità di mezzi e ‘mestiere’ sono indubbiamente importanti nel bagaglio tecnico di un veterinario e spesso ci condizionano nella scelta tra l’uno e l'altro, ma non sono determinanti per valutarne la competenza.

Tutti i veterinari ricevono, infatti, la stessa preparazione di base per cui sono competenti nella cura di tutte le specie addomesticate e soprattutto nella specie canina, senz'altro la più importante e rappresentativa per ciò che riguarda l'esperienza pratica universitaria. Nei paesi anglosassoni esiste una specializzazione veterinaria esasperata, non solo riguardo la specie (solo cani o solo gatti ecc.), ma addirittura riguardo le razze (esistono infatti veterinari specializzati per levrieri da corsa, per cani da guardia o per cani per l'esercito e così via), per cui al proprietario di un cane si presenta anche il problema di sapere con precisione se il veterinario che interpella è specializzato per la specie canina ed ancor più per la razza del suo cane.

Da noi questo problema per i cinofili non esiste, in quanto, nelle città, gli ambulatori veterinari si rivolgono quasi esclusivamente ai piccoli animali (cane e gatto in particolare), mentre in campagna il veterinario ha pratica per grossi e piccoli animali grazie proprio alla comune esperienza di base. È però anche vero che, soprattutto nelle grandi città, per una maggiore richiesta specialistica da parte dei proprietari dei cani e per ragioni di concorrenza, il veterinario cerca di soddisfare il più possibile la clientela dotando il proprio ambulatorio di sofisticati mezzi tecnici, di laboratori diagnostici, ricoveri per quarantena, attrezzatissime sale chirurgiche, il che ha portato alla formazione di vere e proprie cliniche e ospedali per cani e gatti spesso completate da sale toelettatura, shop ‘tutto per il cane e il gatto’ e pensione.

Questo fa sì che i maggiori mezzi messi al servizio del cane e il lavoro di un'equipe medica aumentino la possibilità di formulare un’esatta diagnosi a cui seguirà un'adeguata terapia sotto diretto controllo veterinario. Importante resta comunque l’instaurarsi, tra il proprietario del cane e il veterinario prescelto, di un rapporto basato sulla fiducia reciproca. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #5 Perla 2017-05-18 17:25
Questa mattina Felix/Rama è stato operato di nuovo per rimettere il cerchiaggio che dovrà tenerle ferma la mascella rotta.......Que sta volta dovrà tenerlo a luuuuuungo e speriamo davvero che riesca a fare vita normale. Domani mattina andiamo a riprenderlo.
Inutile dire che nessuno dei nostri mici passerà, in futuro, dalla veterinaria del luganese che - malgrado la mascella era ancora rotta - ha deciso di togliere il precedente cerchiaggio ...
 
 
Susi
0 #4 Susi 2017-05-14 10:13
Cavoli Perla.... io mi tengo buona una clinica a Lugano per i vacini e piccole cose (vicinanza e raggiungibilità ), ma per cose importanti faccio chilometri verso Sud (competenza e feeling). E per Grizzly, lo sapete, vado anche dal dr. Lafranchi di Dongio, dove facciamo una cura naturale combinata, prima di doverci affidare alla sola chimica.
Auguri a Felix/Rama e naturalmente anche ai tuoi malati umani
 
 
Perla
0 #3 Perla 2017-05-13 09:14
Abbiamo scoperto che il cerchiaggio tolto dopo un mese dalla vet. del Luganese in verità il micio avrebbe dovuto tenerlo per 6 mesi quanto meno...... Ora è tutto da vedere e giovedì dobbiamo portarlo dallo specialista.
In questo caso, malgrado la distanza, sarebbe stato più opportuno portare Felix/Rama direttamente nel Bellinzonese... malgrado la distanza... *confuso
 
 
Perla
0 #2 Perla 2017-05-13 09:12
Proprio questa settimana abbiamo fatto l'esperienza di come un veterinario possa fare la differenza nel trattare la patologia di un gatto. La nostra Lorena si trova da noi perché ha fatto una polmonite atipica e perché rimarrà con i nostri gatti in nostra assenza e abbiamo portato l'ultimo arrivato dalla mia veterinaria per un problema di alito cattivo.
 
 
Susi
0 #1 Susi 2017-05-12 16:43
Ottimo articolo! Per me conta molto il "feeling" e altrettanto la raggiungibilità fuori orario c04