^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 71 visitatori e nessun utente online

Il tarsio, un nostro parente stretto

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il tarsio è tra i piccoli primati più strani che popolano la terra, e secondo uno studio recente è anche un improbabile cugino dell’uomo. Così piccolo da stare nel palmo di una mano, con occhi enormi e una testa capace di girare di 180 gradi, si inserisce comunque nello stesso ramo evolutivo delle grandi scimmie e dell’essere umano. La prima mappatura del suo DNA è stata realizzata dal dottor Wesley Warren, della Scuola di medicina dell’Università di Washington a Saint Louis.

Analizzandone il genoma, i ricercatori hanno scoperto che questi animaletti sono evolutivamente più vicini a noi di quanto lo siano i lemuri. Lo studio ha anche individuato 200 geni specifici che rendono unici i tarsi e molti di questi sono, nell'uomo, associati a malattie e malformazioni soprattutto della vista e del sistema muscolo-scheletrico.

Diffuso in Asia sud-orientale, piccolo, curioso e dall’aria simpatica e dolce, il tarsio è lungo una quindicina di centimetri, ai quali si sommano i 20–25 cm della coda. Possiede ossa del tarso molto allungate (da cui il nome) e grandi occhi - sproporzionati rispetto alle sue dimensioni - da animale notturno, i quali, tuttavia, mancano del tipico tapetum lucidum delle creature della notte. Le mani ed i piedi sono dotati di cuscinetti adesivi, che gli permettono di aderire a qualsiasi tipo di superficie, permettendogli inoltre di compiere salti di 2 metri da un albero all’altro.

La caratteristica notevole di questo piccolo primate è il suo sistema di comunicazione: oltre ad emettere un suono simile al cinguettio degli uccelli, riesce ad emettere ultrasuoni impossibili da percepire per l’essere umano, che può udire suoni di frequenza inferiore ai 20 kHz. Il suono emesso dal tarsio può raggiungere una frequenza di 70kHz; il tarsio può udire suoni fino a 90 kHz.. È un animale arboricolo con abitudini notturne. La sua dieta è prevalentemente insettivora, ma all'occorrenza non disdegna catturare piccoli vertebrati, serpenti o saccheggiare i nidi d'uccello. (Foto: Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2016-10-30 15:44
Trovo anch'io adorabili questi animaletti c36
 
 
Susi
0 #1 Susi 2016-10-26 13:16
Che bello sapere qualcosa di più su questi animaletti che mi fanno tanta tenerezza e sorridere, talmente sono carini c07