^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 390 visitatori e nessun utente online

Guardarsi negli occhi senza paura

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Immaginiamo quanto sarebbe infelice la nostra vita se, tutte le volte che qualcuno ci guarda negli occhi, provassimo paura. Il cucciolo di cane deve poter guardare negli occhi il suo proprietario e la famiglia senza sentirsi minacciato o sfidato. Il proprietario può imparare molte cose dallo sguardo del cucciolo, compresa la sua volontà di guardarci negli occhi senza timore. In natura, quando un cane guarda negli occhi un altro cane avviene un confronto gerarchico e il soggetto sottomesso deve abbassare gli occhi.

Se non lo fa, significa che sfida l'altro cane per diritti di dominanza e che i due si dovranno confrontare. Per questo motivo molti cani si sentono profondamente a disagio se vengono guardati negli occhi, si leccano le labbra e si sottomettono, talvolta perdendo urina (come segno di pace) soprattutto se sono molto giovani o femmine, mentre altri diventano improvvisamente aggressivi per un motivo che le persone spesso non capiscono.

In questi casi l'aggressività è la risposta di un cucciolo o di un cane dominanti alla sfida ricevuta dall'essere umano. Per evitare situazioni come quelle suddette, cane e proprietario devono potersi guardare negli occhi per comunicare affetto e amicizia e non per sfida gerarchica. Questo al cucciolo deve essere insegnato e riveste notevole importanza soprattutto se è di una razza dominante e in casa ci sono bambini.

In primo luogo è raccomandabile che il proprietario guardi il cane negli occhi quando lo accarezza e lo vezzeggia e durante il gioco. Quando il cane lo guarda in risposta senza ringhiare e senza sottomettersi, deve essere pronto a offrirgli una ricompensa. Lo stesso comportamento dovranno tenere tutti gli altri membri della famiglia che vivono con l'animale.

In genere dopo un momento in cui ci si guarda negli occhi è il cane che sposta lo sguardo e così facendo ci riconosce come capobranco. Per questo motivo non è bene imporre al cucciolo di sottomettersi a tutte le persone estranee che ci fanno visita, soprattutto se si tratta di una razza fiera e dominante. Chiediamo pertanto ai visitatori occasionali di non fissare il cane negli occhi. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #2 Susi 2016-10-06 20:47
E'tutta la vita che convivo con questi meravigliosi compagni e posso solo dire che questo articolo insegna e conferma la mia esperienza c09
 
 
Perla
+1 #1 Perla 2016-10-06 14:58
Ottimo articolo e conclusione da mettere in pratica. Brava Niki! c28 c36