^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 44 visitatori e nessun utente online

In vacanza con il coniglio

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Arrivano le ferie e non sappiamo come comportarci con il nostro coniglio? Nessuna paura, abbiamo diverse possibilità: possiamo portare il piccolo animale con noi, lasciarlo a casa con qualcuno che lo accudisca, affidarlo ad un amico o parente che se ne prende cura. Se vogliamo portarlo in vacanza con noi, è necessario poterlo ospitare adeguatamente nel luogo di arrivo, tenendolo eventualmente in una grossa gabbia e lasciandolo uscire per qualche ora sotto supervisione.

Per prima cosa ci dovremo, quindi, informare sulla possibilità che il coniglio venga accettato nel luogo di destinazione. La seconda considerazione riguarda il caldo: sia il viaggio che la permanenza nel luogo di villeggiatura non devono esporre il coniglio a temperature eccessive, che questo animale non sopporta. Oltre i 30 gradi i conigli rischiano, infatti, un colpo di calore.

In automobile, per esempio, è indispensabile sia presente l’aria condizionata; durante il viaggio non lasciamo l’abbeveratoio appeso, perché con il movimento l’acqua sgocciola fuori inzuppando il fondo del trasportino. Possiamo offrire l’acqua durante le soste, e lasciare a disposizione delle verdure fresche. Il viaggio può avvenire in un trasportino per gatti, dotato di un fondo assorbente e non scivoloso o in una grossa gabbia, se si viaggia in automobile.

In caso di viaggio in aereo è indispensabile contattare in anticipo la compagnia aerea: non tutte permettono di portare con sé il coniglio in cabina e non è assolutamente accettabile lasciarlo nel vano bagagli. In caso di viaggi all’estero, per passare la frontiera non è obbligatorio che ai conigli venga applicato il microchip, come per cani, gatti e furetti, né sono necessarie vaccinazioni, ma è richiesto un certificato di buona salute rilasciato dal veterinario.

Se il coniglio non è immunizzato contro mixomatosi e MEV (malattia emorragica virale) informiamoci se nella località di arrivo queste malattie ci sono e, in caso affermativo, qualche giorno prima della partenza portiamolo dal veterinario per farlo vaccinare. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #1 Perla 2016-07-22 15:35
Avessi un coniglio...pens o che non sceglierei di portarlo in vacanza lontano. L'idea di un lungo viaggio con un coniglio non mi piace proprio. Finché si parla di andare in cascina, ad un'oretta da casa, mi va bene ma altrimenti ...no
Comunque l'articolo è molto interessante. Grazie Niki c36