^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 127 visitatori e un utente online

La mantide religiosa

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La mantide religiosa è una delle specie più comuni dell'ordine Mantodea. Ha una colorazione che va dal verde brillante al marrone chiaro, la femmina può raggiungere i sette centimetri, mentre il maschio i sei. Il viso è triangolare e presenta sulla sua sommità due grandi occhi sporgenti che portano al culmine un piccolo puntino nero che assomiglia ad una pupilla. Il nome 'mantide' deriva dal greco 'mantis' e significa 'profeta', l'aggettivo religiosa fa riferimento alla postura delle zampe anteriori dell'insetto che ricorda un atteggiamento di preghiera. 

La mantide religiosa, denominata anche mantide europea (nome scientifico Mantis religiosa), vive in zone calde ed aride, ha origini africane ma attualmente è distribuita in Europa meridionale, Asia e America del Nord. Si nutre prevalentemente di piccoli insetti quali mosche e grilli, ma anche piccoli vertebrati, come lucertole e ranocchi, fanno parte della sua dieta. Sa camuffarsi facilmente tra le foglie, dove aspetta immobile le sue prede. Per difendersi dagli attacchi di insetti antagonisti la mantide apre di scatto le proprie ali per sembrare più grande.

Una caratteristica di questo insetto è il cannibalismo nuziale. La femmina dopo essersi accoppiata, o anche durante l'accoppiamento, divora il maschio partendo dalla testa mentre gli organi genitali proseguono nell'accoppiamento. Questo comportamento è dovuto al bisogno di proteine, necessarie ad una rapida produzione di uova; prova ne è che la femmina d'allevamento, essendo ben nutrita, spesso 'risparmia' il maschio.

Curiosamente, gli antichi greci pensavano che incorrere nello sguardo di una mantide equivalesse ad andare incontro ad un periodo di sventura. Secondo Aristarco, astronomo e fisico greco, la mantide era portatrice di malocchio. Anche secondo gli antichi romani la mantide era un insetto che portava sventura, infatti, se qualcuno si ammalava gli si soleva dire 'la mantide ti ha guardato'. In alcune regioni africane è ritenuta una divinità e sembra che vi siano state delle religioni dove la mantide occupava un ruolo preminente. (Foto: G+)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Perla
0 #2 Perla 2016-01-31 14:54
Assassina del suo partner....a difesa della prole.....
Forse sarebbe da approfondire il discorso visto che, quando è ben nutrita, non sente il bisogno di altre proteine. Il solito lato A e lato B
 
 
Susi
0 #1 Susi 2016-01-29 18:55
Interessantissi mo, finalmente so qualcosa in più su questo animale che penso conosciamo quasi tutti solo come l'assassina del suo partner c06 *scioccato