^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 120 visitatori e nessun utente online

Il Borzoi: docile e fedelissimo

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La prima notizia sulla sua origine emerge dalle nebbie nel 1600. Si sa cioè che un nobile russo importò dall’Arabia alcuni Levrieri Saluki e li incrociò con il Collie, entrambi a quei tempi ruvidi pastori. Negli anni successivi pare che nella nuova razza sia pure intervenuto sangue di cani da traino della Lapponia, cosa che la avrebbe rinvigorita e resa adatta alla caccia anche in zone fredde. Conosciuto col nome di Borzoi (veloce), è il più maestoso e possente rappresentante della famiglia dei Levrieri.

Apprezzatissimo dagli Zar, fu sempre impiegato nella caccia al lupo. Se veniva raggiunto da una muta di questi cani velocissimi, coriacei, scatenati, per lui non c’era nessun scampo. Giunti presso il nemico, i cani lasciavano che al lupo si affiancasse il più forte il quale, compiuta una brusca frenata, lo azzannava subito al collo senza pietà. Questo era l’aristocratico Borzoi.

Quando nell’Ottocento il Levriero russo fu importato in Inghilterra e donato alla regina Vittoria, divenne subito popolare in mezza Europa. Gli allevatori ne evidenziarono le linee aristocratiche, la bellezza statuaria, la docilità, per cui dovette dimenticarsi di essere stato una spietata macchina da caccia per divenire un riservato cane casalingo.

Taglia media dei maschi: 75.5 cm, quella delle femmine: 71 cm; ma una statura superiore può essere un pregio. Peso: 35 - 48 kg. Ha testa lunga, stretta, asciutta; muso con leggero arco; tartufo nero; occhi oblunghi e scuri. Le orecchie sono portate indietro sul collo. Torace stretto e dorso corto. Coda portata bassa a forma di scimitarra. Pelo lungo, ondulato o a grandi ricci, con ampio manicotto al collo. Le tinte del mantello: bianco, oro in tutte le tonalità, fulvo ombrato di nero, uniti o a macchie su fondo bianco.

Sebbene il Borzoi possa risultare distaccato con gli estranei, è un cane dolce, intelligente, riservato, puntiglioso e si affeziona tantissimo al suo proprietario. In genere ubbidiente, dovrebbe presentare pochi problemi durante l’addestramento ed è piacevolmente calmo e tranquillo in casa. È un cane che preferisce sessioni brevi ed esercizi veloci, l’ideale per uomini attivi che non cercano un compagno per avventure lunghe e complesse.

Alla massima velocità, questa razza è veramente meravigliosa da vedere, ma bisogna anche ricordarsi che è un cane testardo quando caccia. Il morbido mantello si aggiunge all’aspetto elegante, ma avrà necessità di una regolare e completa toelettatura. Il Borzoi non è fatto per mostrare affetto, tuttavia è molto fedele e sa tollerare bambini e altri animali. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
+1 #2 Susi 2015-11-05 14:54
Grazie per questa presentazione Niki. Anch'io ne ho visto uno o due, mi hanno fatto impressione per la loro altezza ed eleganza c36
 
 
Perla
+2 #1 Perla 2015-11-05 13:06
Penso proprio di non averne mai visto uno!
Mi piace l'idea che tollera bambini e altri animali e anche la fedeltà che, di sicuro, appartiene comunque a tutti i cani c07