^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

NEWS E SOCIAL GROUP

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

CHI È ONLINE

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online

Il Pechinese: riservato e sicuro di sé

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

È un cane antico di quattromila anni. Sete e incisioni del Celeste Impero, lo ritraggono simile alla razza moderna che conosciamo in Europa da poco più di un secolo. Nel 1860, in Cina, nel corso di una delle rivolte interne, soldati britannici e francesi penetrarono nel palazzo imperiale e vi trovarono decine di cani Pechinesi uccisi dai funzionari di Corte perché non cadessero in mani straniere. Ma due o tre esemplari si salvarono - nascosti dietro ai portali dei giardini - e furono portati in Inghilterra, dono per la cinofila regina Vittoria. Da una corte all'altra, il Pechinese si riprodusse sotto la maestra mano degli inglesi e andò per il mondo.

Il peso deve essere compreso tra i 2 e gli 8 kg. Ha testa larga, spaziosa tra gli occhi; tartufo corto, ma ben evidente; muso rugoso; stop profondo; la bocca ben chiusa non deve mostrare né i denti né la lingua. Gli occhi sono grandi, scuri e lucenti, un poco prominenti; orecchie a forma di cuore con lunghe frangiature; collo corto e grosso. Coda portata curva sopra il dorso; ossatura forte; pelo lungo e dritto, con estesa criniera e abbondanti frange. Sono ammessi tutti i colori, tranne il fegato e l'albino.

È un cagnolino originale, simpatico, dal naso rincagnato, dall'espressione molto viva, dal portamento distinto e anche un po' superbo, indifferente a tutto ciò che non conosce e non lo riguarda. Con le persone di famiglia è affettuoso, leale, obbediente, ed esprime un coraggio che rasenta l'incoscienza. Il suo bellissimo pelo va vivificato spesso con un pettine largo. Bisogna anche tenere presente che l'abbondante mantello attrarrà anche sporcizia a iosa durante le passeggiate.

A causa delle zampe corte e delle difficoltà respiratorie, il Pechinese si stanca in fretta e ha scarse esigenze di esercizio. È un cane che non deve essere preso in considerazione da persone che amano trascorrere lunghe giornate all'aperto o le vacanze estive con il loro cane. Occorre poi pulirgli i denti due volte all'anno per evitare cadute precoci e stillargli ogni tanto una goccia di collirio negli occhi.

È il classico cane da appartamento e da grembo, adatto anche per coloro che hanno poco spazio, che all'occorrenza sa tramutarsi in abbaiante guardiano. Dal carattere altezzoso e indipendente, il Pechinese si aspetta regolari attenzioni, ma in cambio può essere piuttosto distaccato. È un cane indicato per proprietari alla prima esperienza, purché abbiano pazienza e capacità di curare il mantello incantevole, ma impegnativo. (Foto: Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-03-05 20:03
Non ho mai avuto una grande attrazione per i cani mini, ma devo dire che da quando la mia figlia ha preso un chihuahua e a me sono arrivati i barboncini *lingua apprezzo anche loro, sono divertenti e tanto di compagnia. c07