^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Quale piccolo animale scegliere?

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Occorre far presente che regalare animali ai bambini deve sempre comportare molta consapevolezza nei genitori, poiché devono essere loro stessi responsabili e informati sulla cura e la tenuta di un animale e semmai coinvolgere il piccolo umano quale compartecipe senza delegare responsabilità eccessive. Bisogna prepararsi e informarsi prima di accogliere un animale a casa e soprattutto essere al corrente delle leggi sulla protezione animali in vigore e sulle regole di tenuta e cura, in modo da poter offrire il meglio per rendere la vita del nuovo ospite la più degna e salutare possibile.

È preferibile affidarsi a persone esperte nel campo, evitando annunci allettanti, ma magari poco sicuri, su giornali e web.

Il cincillà non è propriamente adatto ai bambini in quanto è un animaletto molto delicato ed ha bisogno di cure particolari e minuziose.

Il criceto può andare bene, tenendo però presente che sono animali alquanto indipendenti e vivono prevalentemente di notte, inoltre hanno una vita breve, anche di 1,5 - 2 anni, quindi occorre essere pronti anche a gestire il momento dell'addio.

Il coniglio nano ha bisogno di tanto spazio che deve essere strutturato in modo da dargli la possibilità di muoversi liberamente, nascondersi, ecc...

Generalmente i roditori, per legge, devono essere tenuti perlomeno in coppia quindi, se si scelgono maschio e femmina, bisognerà castrare almeno il maschio per evitare un aumento esponenziale della famiglia; spesso però si deve sterilizzare anche la femmina, perché facendo delle 'gravidanze isteriche' o avendo dei forti calori può diventare aggressiva verso il maschio.

Il porcellino d'India è il più adatto; anche qui bisogna castrare il maschio; altrimenti si può fare l'esperienza di una figliata per poi tenere il gruppetto famigliare, facendo sempre castrare per tempo gli eventuali maschietti. Sono animaletti molto sociali e se si ha un giardino recintato si possono lasciare sul prato, in un luogo protetto da eventuali predatori, controllando che non scavino buchi per scappare. (Foto: Pinterest)

Accedi o registrati per poter commentare.

Commenti   

 
Susi
0 #1 Susi 2015-02-19 20:17
Una decisione veramente difficile. I tuoi consigli, come sempre, danno spazio alla riflessione se è veramente il caso di tenere uno di questi animaletti c07