^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

Il Cormorano

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questa specie, parente del Pellicano, appare a distanza come un grosso uccello dal colore uniforme nero o marrone scuro, anche se i giovani sono spesso più chiari nelle parti inferiori. Sul piumaggio spiccano il becco giallo e la gola bianca. Il Cormorano (Phalacrocorax carbo) è facilmente individuabile sia per le dimensioni, sia perché si vede quasi sempre in gruppo. Quando è posato in acqua ha un profilo di galleggiamento molto basso, per cui sembra che abbia solo la testa e il collo fuori.

Il collo si presenta arcuato e il becco lungo è tenuto un po' verso l'alto. Per alzarsi in volo dall'acqua ha bisogno di una lunga rincorsa. Spesso si osserva in riposo su rami o paletti immersi nell'acqua, in posizione eretta: in questa posizione si possono vedere la coda, lunga circa due volte il becco, e notare le zampe molto corte, diversamente dagli aironi. La lunghezza può variare da 70 a 102 cm e l'apertura alare da 121 a 160 cm.

Una posizione caratteristica del Cormorano a riposo è quella ad ali aperte, che mantiene per asciugare il piumaggio. In volo può sembrare una grossa anatra: ha il collo e la coda estesi, e alterna una serie di battiti poco profondi a dei movimenti di avanzamento con le ali ferme. Specie legata alle zone umide, che per nidificare si concentra in colonie sugli alberi in vicinanza di laghi e paludi.

Al di fuori del periodo di riproduzione, si sposta in una grande varietà di ambienti, come lagune, corsi d'acqua, bacini artificiali. Frequenta anche acque molto vicine alla presenza umana, come i tratti di fiumi all'interno delle città. Il Cormorano può essere osservato in quasi tutti i continenti. In Italia le colonie di nidificazione sono localizzate, e concentrate nell'area del delta del Po e in Sardegna.

Durante il periodo da ottobre ad aprile si può invece osservare più o meno in tutta la Penisola, sempre in vicinanza di zone umide. In inverno il numero degli individui aumenta per l'arrivo di popolazioni migratrici dal centro Europa. È un predatore specializzato nella cattura dei pesci, che caccia immergendosi fino a qualche metro di profondità e inseguendo la preda con la forte spinta delle zampe.

Il Cormorano è una delle poche specie di uccelli che possono muovere gli occhi; ciò li aiuta nella caccia. Molti pescatori vedono nel cormorano un concorrente per la pesca. A causa di ciò esso è stato cacciato fin quasi all'estinzione in passato. Grazie a sforzi di conservazione il suo numero è però aumentato. Al momento esistono circa 450.000 uccelli nidificanti in Europa Occidentale. (Foto: Wiki)

Accedi o registrati per poter commentare.