^Back to Top

Piccole anime,

grandi emozioni...

...nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore...

ARCHIVIO COMPLETO

ULTIMI TWEET

LOGIN

Registrati per avere più opzioni! Entra nella nostra Community!

SOCIAL GROUP E RSS

TwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest

ALTRI ANIMALI

Le passeggiate nella neve con Fido

Ghiaccio e neve non dovrebbero creare problemi al cane a meno che non sia molto giovane, anziano o malato, ma bisogna asciugarlo bene dopo la passeggiata, eliminando il ghiaccio e i blocchi di neve dal pelo, in quello lungo possono nascondersi palline di neve ghiacciate. Facciamo particolare attenzione alla toelettatura: il pelo deve essere pulito e non aggrovigliato per fornire il massimo isolamento termico. Se il nostro cane è molto attivo, può avere bisogno di razioni di cibo più abbondanti in inverno: tenersi caldi richiede molta energia.

Il Cairn Terrier: affettuoso e vivace

Il Cairn Terrier - comparso in pubblico nel 1909 - è divenuto noto nel 1930, quando un esemplare fu acquistato dalla cinofila famiglia reale inglese. E così in quegli anni gli allevatori non fecero che sfornare cuccioli di Cairn, subissati dalle richieste. L'origine del suo nome è curiosa. Nella vecchia Scozia vigeva la suggestiva usanza di elevare i cippi confinari o i sepolcreti ammucchiando vaste pile di pietre. Tra queste pietre finivano sempre per celarsi animali selvatici, difficili da essere stanati a causa degli stretti pertugi.

ENPA: gli animali non sono giocattoli

«Gli animali non sono giocattoli, no alla moda degli acquisti natalizi; sì alle adozioni responsabili». Questo l'appello lanciato dall'ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) in occasione delle festività natalizie che, di solito, vedono un preoccupante incremento degli acquisti di animali. Cani e gatti, soprattutto, ma anche tantissimi esotici (tartarughe, ad esempio), roditori e conigli che, purtroppo, hanno il destino segnato. La maggior parte di loro infatti viene accolta in casa per assecondare un impulso passeggero.

Brrr... Che freddo!

L’inverno è ufficialmente arrivato, il termometro è sceso a picco e in tutta Europa il freddo è ormai all’ordine del giorno. Sebbene gli animali sopportino meglio le temperature basse rispetto agli umani, è sempre auspicabile seguire qualche accorgimento per tutelarli. Non tutti i quattro zampe sono temprati per i rigori del clima invernale: i cani di taglia grande mantengono il calore per molto più tempo, mentre le taglie più piccole, le razze a pelo corto e quelli che non hanno particolare massa corporea per aiutarli a mantenere il calore necessitano di un trattamento speciale.

Nuovo standard per la formazione dei cani

Dall’inizio dell’anno sono stati aboliti in tutta la Svizzera i corsi obbligatori per proprietari di cani (attestato di competenza per la detenzione di cani). Nei 26 cantoni c’è un numero quasi identico di leggi e ordinanze sui cani. Abbiamo un pastore tedesco e trascorriamo più di trenta giorni all’anno nel Canton Grigioni, per esempio nella nostra casa di vacanze? Allora dobbiamo registrare il nostro quattrozampe e chiedere un permesso per la sua detenzione.